Apertura di Canapini su Malagrotta bis

0
13

Vogliamo sapere, conoscere, vedere e verificare, dopodiché ci pronunciamo. Non diciamo mai no a niente». Sono le parole con cui il sindaco di Fiumicino, Mario Canapini ha commentato le indiscrezioni che vedrebbero il nuovo sito che andrebbe a sostituire la discarica di Malagrotta nel territorio che amministra. Le voci di queste ore lo individuano in via di Castel Campanile, a Palidoro. È la prima volta che il principale rappresentante istituzionale di un territorio candidato a ospitare l’immondizia di Roma, davanti a ipotesi che hanno sempre provocato reazioni atterrite dei suoi colleghi, non solo non ha detto no, ma ha lasciato spiragli e aperture. Forse non sarà d’accordo, di sicuro non è contrario e sembra disposto ad aprire una discussione.

Smentite secche a questo nuovo scenario non sono arrivate neanche dalla presidente Polverini che, ai giornalisti che le chiedevano un parere, ha detto: «Voi sapete che io non commento le indiscrezioni, perché rimangono tali. Quando ci sarà il sito saremo noi a comunicarlo ufficialmente». Ovvio che il sì di Canapini significherebbe molto sia per la presidente Polverini che per il sindaco Alemanno. Per lunghi mesi sono stati impegnati a passarsi la patata bollente sul luogo candidato ad essere il nuovo sito per la discarica. Trovare qualcuno che li tragga d’impaccio sarebbe, già di per sé, da considerare una vittoria. E non scopriamo oggi i rapporti idilliaci tra Regione Lazio e Comune di Fiumicino.

L'articolo completo nel giornale di oggi