Pomezia, Futuro incerto per la Radim Spa

0
42

A ncora un’azienda in crisi e lavoratori in strada per difendere il diritto alla retribuzione. Stavolta si tratta della Radim Spa, società operante nell’industria diagnostica da oltre 30 anni. Una settantina di lavoratori, senza stipendio da un mese e mezzo, sono scesi in strada ieri mattina bloccando la via del Mare, dove è situata l’azienda, per una manifestazione spontanea di protesta. Obiettivo sollecitare l’azienda nelle trattative in corso per la vendita e quindi per l’arrivo di nuovi capitali e risorse che possano scongiurare il fallimento.

La società vive una situazione debitoria molto pesante da circa due anni, durante i quali i 130 lavoratori hanno subito spesso ritardi e dilazionamenti nei pagamenti dei salari: «I lavoratori sono esasperati – ha commentato il responsabile Filctem (Federazione Italiana Lavoratori Chimica Tessile Energia Manifatture) Cgil di Pomezia, Roberto Gargiullo –. Quella di oggi (ieri, ndr) è stata una manifestazione legata alla situazione di difficoltà nella quale sono costretti da diverso tempo».

L'articolo completo nel giornale di oggi