Antonelli, a rischio 35 lavoratori

0
21

Se la Regione non interverrà sarà licenziamento per i 35 lavoratori della Antonelli Group messi in mobilità. Nell'ultimo incontro con i sindacati la società ha fatto un passo in avanti prospettando la cassa integrazione ma chiedendo da subito l'ok alla mobilità per 17 lavoratori. Situazione osteggiata da amministratori e sindacalisti. Ora la partita si sposta in Regione. La richiesta avanzata è quella dell’apertura della procedura di cassa integrazione “per ristrutturazione”, ma sarà difficile la copertura totale. La Antonelli vuole fare investimenti sulla linea produttiva, robotizzarla, aumentarne la produttività, tagliando circa il 40% delle risorse interne.

«E’ spiacevole constatare – dichiara Gianfranco Moranti della Flai-Cgil – come la procedura di mobilità sia stata avviata appena tre giorni dopo l’invio di una nostra richiesta di incontro. Se la riunione ci fosse stata tempestivamente concessa, avremmo potuto iniziare un confronto preventivo, magari utile ad affrontare i problemi aziendali senza ricorrere a misure drastiche». «Non si possono abbandonare i 35 lavoratori e le loro famiglie  al proprio destino prima che il processo di ristrutturazione e d’innovazione messo in campo dall’azienda  sia completato – ha commentato ieri il deputato locale Renzo Carella. Solo allora si potrà discutere di eventuali esuberi. Mi auguro che in fase di discussione in Regione, l’Assessore alle Attività Produttive insieme alle OO.SS possano far fare all’azienda un passo indietro rispetto alla posizione attuale.

L'articolo completo nel giornale di oggi