Blitz al Cara: arrivano i nomadi

0
17

La revoca delle dimissioni del sindaco di Castelnuovo Fabio Stefoni  è arrivata ieri insieme alla notizia della presenza dei Rom al Cara. «L’ho saputo solo questa mattina (ieri n.d.r.) – ha detto il primo cittadino – si tratta di 21 persone in particolare bambini che, mi dicono, si trovano qui solo temporaneamente in attesa di essere rimpatriati». Si trovano al centro già da tre giorni  ma nessuno,  pare, degli amministratori dell’area ne era informato. «Non si sono preoccupati di avvertirmi – continua Stefoni – quindi se nei prossimi giorni fossero previsti altri arrivi potrei  anche non esserne messo a conoscenza».

Intanto ieri, a margine dei venti giorni, il sindaco di Castelnuovo ha ritirato le dimissioni. «Se il Comune a questo punto venisse anche commissariato sarebbe peggio», ha commentato.  La situazione nel centro di via Tiberina è sempre esplosiva. «Spero che i nomadi arrivati se ne vadano presto», ha sottolineato il primo cittadino che ha anche spiegato che al momento non sono ancora state organizzate  nell’area manifestazioni di protesta come accaduto nelle settimane passate. D’altra parte, in zona, l’allarme scattato alla notizia dell’arrivo dei rom sembrava essere rientrato soprattutto perché  i nomadi, ai quali era stata offerta assistenza al Cara, avevano rifiutato per paura di essere separati dagli altri familiari. Invece nei giorni scorsi, complici anche i mille euro offerti per tornare in patria,  almeno due pullman carichi di donne e bambini sono partiti dalla Basilica di San Paolo, occupata dai rom alla vigilia di Pasqua, alla volta di Castelnuovo. Uno dei due mezzi è dovuto tornare indietro e qualcuno si è pure dileguato alla notizia che i soldi gli sarebbero stati dati una volta arrivati in Romania.

L'articolo completo nel giornale di oggi