Malati psichiatrici: nel Lazio mancano 200 posti letto

0
23

 

«Il numero dei posti letto disponibili nei Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura della città di Roma è notevolmente inferiore a quelli previsti dal Progetto Obiettivo nazionale. Secondo le stime mancano almeno 200 posti letto, con gravi disagi per le famiglie dei pazienti che si trovano costretti a rivolgersi presso Centri di altre province. Il Lazio dovrebbe infatti avere 390 posti letto, per l'area di ricovero, per Roma e Provincia e 139 per le restanti province, per un totale di 590 posti. Ne abbiamo 294 in tutto, -235».

Lo ha detto Daniela Pezzi, Membro della Consulta Regionale per la Salute Mentale durante la presentazione del progetto «In viaggio: al centro della mente» composto da incontri e dibattiti di sensibilizzazione all'opinione pubblica sul tema della malattia mentale.

Nel Lazio nel 2008 oltre 65.000 pazienti affetti da disturbi psichici si sono rivolti a un Centro di Salute Mentale, il 20,6% dei quali di età inferiore ai 35 anni, in prevalenza donne (58%). Un dato in netta crescita è quello degli immigrati: si passa infatti dallo 0,8% nel 2001 al 5,7% del 2008. Nel 2009, poi, i ricoveri presso i reparti di psichiatria sono stati 20.000: un quarto dei pazienti con diagnosi di schizofrenia, un altro quarto affetti da psicosi affettive, mentre percentuali inferiori comprendono nevrosi, disturbi della personalità o altre psicosi. Si stima, tuttavia, che oltre il 50% delle persone che soffrono di un disturbo psichico non si rivolge a una figura sanitaria.