Gorga, chiude la caserma dei carabinieri

0
35

Il comandante provinciale dei carabinieri ha comunicato lo scorso sabato al sindaco e alla giunta comunale l’intenzione di procedere a un piano nazionale di razionalizzazione delle caserme, prevedendone la chiusura nei centri minori. E tra questi figurerebbe anche la stazione di Gorga.

Un’ipotesi su cui è insorto il Consiglio comunale che nei giorni scorsi ha approvato una delibera di contrarietà. «Il fatto che il numero di reati sia basso nel nostro Comune è indice del successo in tema di prevenzione che la presenza della caserma ha in questi anni garantito a Gorga, oltre che dell’onestà degli organi – si legge nel documento. negli anni passati si sono comunque avuti eventi criminosi di una certa entità (sequestro e furtodella famiglia Incitti a Gennaio 2005, incendio localepubblico presso la BorgataS. Marino a Marzo 2009,incendio di alcune autovetture nel centro storicodel Paese a Settembre2009). La particolare posizione geografica di Gorga – continua il documento comune montano – con una sola strada di accesso (strada provinciale 91/A) rende estremamente difficoltosa la possibilità di raggiungerla in tempi brevida parte dei carabinieri delle caserme limitrofe nel caso in cui si verificassero reati di qualunque genere, di fatto vanificando il lavoro delle forze dell’ordine e non garantendo ai cittadini alcuna sicurezza».

E a fare i conti in tasca al Ministero, secondo gli amministratori locali, non ci sarebbe neanche un risparmio rilevante per le casse del Governo. «Le sole economie conseguibili sarebbero quelle connesse con le spese del canone di affitto della struttura e delle relative utenze,che ammontano a circa 15.000 euro annue, cifra sicuramente di entità modesta perché i carabinieri in servizioa Gorga sarebbero impiegati nelle stazioni limitrofe». Il Comune ha richiesto così un incontro urgente al Ministero per valutare l’ipotesi di una sottoscrizione di unaccordo di programma per la partecipazione alle spese correnti.