Auto date alle fiamme per noia

0
22

Triste risveglio per i proprietari di una Citroen Saxò e dell'utilitaria parcheggiata a fianco, in viale Palmiro Togliatti. L'altra mattina, usciti di casa come sempre per recarsi in ufficio, hanno trovato le loro vetture distrutte dalle fiamme. La magra consolazione per le due vittime dell'atto vandalico è stata quella di sapere che i piromani sono stati assicurati alla giustizia. Si tratta di un romano di 32 anni ed un cittadino marocchino di 28 anni, entrambi operai di professione, ora arrestati dai carabinieri della stazione Tor Tre Teste con le accuse di incendio doloso e danneggiamento. 

I due hanno passato la notte tra i locali della movida poi, nella prima mattina, non contenti del divertimento appena trascorso, hanno deciso di movimentare la situazione incendiando le auto parcheggiate sulla via. Armati di accendini hanno preso di mira la Saxò, hanno rotto il finestrino e hanno appiccato il fuoco nell'abitacolo. Poi sono rimasti a guardare finchè l'auto non si è completamente carbonizzata. Le fiamme hanno provocato anche l'esplosione della macchina che ha investito un’altra auto parcheggiata nelle vicinanze, anche questa rimasta gravemente danneggiata. Subito dopo la “bravata”, i due sono stati visti scappare a piedi da alcuni passanti che hanno avvisato il 112. I carabinieri sono intervenuti dopo pochi minuti insieme ai vigili del fuoco che hanno spento le fiamme e si sono subito messi sulle tracce dei fuggitivi: i piromani sono stati intercettati in un’altra strada della zona, mentre stavano armeggiando con gli accendini nei pressi di un cassonetto della spazzatura nel tentativo di incendiarlo, a arrestati. L'italiano, incensurato, si trova agli arresti domiciliari, mentre il marocchino, a causa di precedenti, è trattenuto in carcere. Le carcasse della auto sono state rimosse.

 


Elena Amadori