Palidoro, lotta per la riapertura dell\’ex presidio sanitario

0
24

Una manifestazione per chiedere la riapertura dell’ex presidio sanitario di Palidoro in via Aurelia. Dopo tante richieste e sollecitazioni dei comitati, sostenute dal Partito democratico di Fiumicino, dovrebbe culminare con un sit-in di protesta la serie delle iniziative messe in campo da Alessandra Vona, consigliere comunale Pd eletto nel territorio nord.

Vona ha nuovamente sottoposto all’attenzione della commissione politiche sociali, riunitasi giovedì scorso, il tema della riapertura e riqualificazione della struttura, che da circa 10 anni versa in uno stato di totale abbandono. L’ex presidio è infatti completamente degradato, evidentemente saccheggiato e con il cancello aperto. Eppure nel “profondo nord” di Fiumicino c’è un estremo bisogno di una struttura sanitaria alla quale i residenti possano rivolgersi, anche in ragione della crescita costante della popolazione. Ne sono un chiaro esempio le località di Aranova, di Granaretto ma anche di Torre in Pietra, che stanno conoscendo un notevole incremento demografico.

Tuttavia, nonostante questa urgenza, tutta l’assistenza sanitaria da “quel lato dell’Aurelia” è “compressa” in due uniche stanze a via di San Carlo a Palidoro, dove oltretutto la sala d’attesa è all’aperto. Praticamente un paradosso che la sala d’attesa si trovi all’esterno, esponendo così i pazienti al gelo e alla pioggia d’inverno e al caldo d’estate. L’inadeguatezza del servizio si riflette con il ritardo del calendario vaccinale, ad esempio. «Le prestazioni ambulatoriali sono ridicole», spiega ilconsigliere dei Democratici, «nonostante l'efficienza del personale che vi lavora perché gli spazi consentono solo di effettuare prelievi,  qualche medicazione e pochissime visite specialistiche oculistiche e cardiologiche».

 

L'articolo completo nel giornale di oggi