Donna mutilata, il killer forse collezionava organi

0
23

Aumentano i dettagli sul macabro omicidio dell'Ardeatina e si fanno sempre più raccapriccianti. L'assassino, come un feticista collezionista, potrebbe avere conservato per sé gli organi interni della donna, dopo averli esportati. Il cadavere, così come è stato ritrovato, senza testa né gambe e completamente svuotato, pesa solo 20 chili e si ipotizza che l'asportazione e la mutilazione siano state operazioni funzionali al trasporto del corpo. Si esclude, infatti l'ipotesi del traffico di organi, pratica effettuata secondo una procedura differente che, per il momento, non ha niente a che vedere con la minuziosa operazione chirurgica che l'assassino ha praticato sulla donna.

Gli investigatori stanno cercando di capire in queste ore dove possa aver operato il killer per eseguire l'espianto operato con un grosso coltello: si ipotizza un ambiente chiuso, una sorta di macabro laboratorio. Sull'identità del cadavere, invece, si attendono risposte dalle ricerche estese a livello internazionale, mentre rimane confermato che le sue impronte non sono presenti nella banca dati per l'identificazione, quindi gli elementi utili per dare un nome alla vittima si restringono a pochi oggetti trovati addosso al corpo.

La donna al momento del ritrovamento indossava una maglietta grigia e  un giubotto nero con una scritta; in un dito della mano calzava un anello a fascia, le unghie delle dita erano smaltate di fucsia e nella tasca della giacca aveva un accendino. La transessuale che abitualmente si prostituiva in via di Porta Medaglia, dov'è stato trovato il cadavere, è stata rintracciata e ascoltata dagli investigatori della squadra mobile ai quali ha detto che la notte del ritrovamento aveva lasciato il posto di lavoro nel pomeriggio del giorno precedente. Infine, nel corso delle ricerche sabato era stato trovato nel campo un cellulare. Al termine di alcuni accertamenti gli investigatori hanno però scoperto che il telefono era stato perso da un ciclista circa 15 giorni prima: sembrerebbe quindi essere un elemento estraneo alla vicenda.