Villalba/ Sì del ministero al nuovo commissariato

0
29

 

La risposta è arrivata in una lettera a firma del dirigente del ministero dell'Interno, indirizzata al questore di Roma Francesco Tagliante, per conoscenza al sindaco di Guidonia Montecelio, Eligio Rubeis: la città dell'Aria avrà il suo Commissariato di polizia; la proposta avanzata dall'amministrazione di istituire il presidio nei locali di via Agrigento a Villalba ha incontrato il favore dei vertici dell'Ordine pubblico, nonché di quelli del- la Polizia di Stato capitolina dai quali dipendono i distac- camenti provinciali. Nell'accordo c'è l'impegno del Comune a ristrutturare esternamente il complesso di via Agrigento di proprietà dell'Ente e già sede di una scuola. Uno stabile strutturato su due livelli e dotato di molti vani e di un ampio parcheggio, da anni inutilizzato, che ospiterà, inoltre, l'ufficio del Giudice di Pace come previsto in una mozione de La Destra approvata all'unanimità nel corso dell'ultimo consiglio comunale. Una vera e propria «cittadella della giustizia e della sicurezza» la definisce il sindaco, dalla quale dipenderà, è l'altra novità prevista nell'accordo, l'istituendo posto di polizia nel quartiere periferico di Setteville, dove per anni, si inserisce il consigliere del Pdl Michele Venturiello eletto in quelle zone, numerose sono state le istanze dei cittadini nel chiedere maggiori controlli e una presenza capillare delle forze di polizia. Il commissariato a Guidonia è l'ultimo obiettivo centrato dall'amministrazione di centrodestra che, a 20 mesi dall'insediamento, ha garantito alla città una Tenenza con 36 carabinieri (nel 2009 erano17); una volante della Polizia con 8 agenti impegnati nei servizi notturni; la sede di una Compagnia della Guardia di Finanza che, da aprile e tempo 18 mesi per realizzarla in un'area individuata a ridosso della Tiburtina, nei pressi di Albuccione, sarà struttura operante sul terri- torio; una stazione mobile dell'Arma distaccata a Collever- de, altro quartiere a rischio microcriminalità. «Contavamo di rafforzare i presìdi di pubblica sicurezza nelle periferie – spiega Rubeis- era la priorità del nostro programma elettorale, a distanza di due anni credo di poter affermare che il cerchio si è chiuso con una distribuzione equa nei nove quartieri delle strutture deputate a garantire sicurezza, pensata anche nella prospettiva della Guidonia che verrà, caratterizzata da una nuova entrata per la città nei pressi dell'ex provinciale 28, da un polo intermodale che ne ridisegni caratteristiche e ambizioni; da uno svincolo autostradale che sia, anche, il cuore pulsante di una nuova viabilità di collegamento, volàno di sviluppo imprenditoriale e occupazio- nale. Linee generali per la città del futuro che ora toccano anche il comparto della sicurezza, aggiunge il primo cittadino. Una nuova Guidonia – conclude Rubeis – che ne ridefinisca il ruolo, mi auguro sempre più centrale, nell'Asse tiburtino».