Il sindaco minaccia protesta

0
49

«Giù le mani dall\’ospedale di Colleferro». Sembra ormai uno slogan elettorale ed è ciò che sta ripetendo il sindaco da un anno a questa parte quando si torna a parlare di ospedale Parodi Delfino. Le recenti notizie di tagli al personale e licenziamenti hanno allarmato il primo cittadino che in una nota stampa ha ricordato ieri alla Polverini le promesse fatte in città richiamandola a fornire spiegazioni in merito alla diffusione di indiscrezioni sui nuovi decreti del Piano sanitario. 

«Più volte – spiega il sidaco Cacciotti – ci sono stati tentativi di ridimensionameto di questo ospedale ma non è mai andato in porto perché la resistenza politica e della città tutta ha fatto intendere che non si può toccare assolutamente nulla. A leggere quegli articoli sono davvero preoccupato per il futuro dell\’intero comprensorio che registra un bacino di utenza di circa 130 mila unità. Questo ospedale – continua il sindaco – lo dice la storia, ha registrato presenze di ottimi e autorevoli primari capaci di risolvere situazioni talvolta molto delicate, assistiti da personale paramedico altrettanto all\’altezza della situazione. E questo senza dimenticare la scuola infermieri professionali che è stata ed è scuola di alto livello grazie a tutte le profesionalità operanti all\’interno e grazie anche al tirocinio prestato presso il nostro ospedale e all\’attenzione che i medici hanno sempre avuto per la loro preparazione. Non oso pensare alla possibilità che ciò che si legge possa verificarsi, la reazione dell\’intera città che scenderà sicuramente al mio fianco e dell\’intera amministrazione in segno di protesta per la difesa dei diritti umani. Voglio anche ricordare alla presidente Polverini e all\’intera Giunta regionale – conclude il sindaco Mario Cacciotti – che gli impegni presi vanno mantenuti.  Colgo l\’occasione per ringraziare tutto il personale medico e paramedico per il lavoro svolto».

 

cinque