Maxxi, l’arte va in streaming: diretta su Google+

0
51
Cultura, Roma: domani al Maxxi “Parola a…”

Hanno portato on-line curatori, direttori di musei, storici ed educatori del Moma, della National gallery di Londra e di Washington e ancora del Museum of contemporary art di Los Angeles, del Museo nacional de arte in Messico e del Museo di arte islamica in Qatar. È Art talks, una serie di incontri in Hangout in diretta (diretta streaming) sulla pagina Google+ di Google art project. Lunedi” a Roma alle 18 il Maxxi, primo museo italiano a partecipare all”iniziativa di Google per rendere l”arte piu” accessibile a tutti, presenta l”incontro ”Memoria, proteste e sperimentazioni. Il ruolo dell”arte oggi nella creazione dello spazio pubblico”.

Hou Hanru, direttore artistico del Maxxi, insieme all”artista Rossella Biscotti, Pelin Tan, scrittrice e ricercatrice turca, e Ou Ning, attivista, artista e curatore cinese, discuteranno del ruolo dell”arte contemporanea nel processo di privatizzazione e progressiva modifica dell”identita” degli spazi pubblici.

E’ possibile seguire l”incontro sulla pagina www.google.com/+googleartproject, e fare domande in diretta ai relatori, usando l”hashtag #arttalks. Chi non avesse la possibilita” di seguire l”appuntamento in diretta, potra” comunque guardarlo in qualsiasi momento sul canale youtube di Google art project e del Maxxi www.youtube.com/user/GoogleArtProject e www.youtube.com/user/MuseoMAXXI.

L’incontro organizzato dal Maxxi per Art talks, partendo dalle posizioni personali dei protagonisti, chiarira” come la modifica degli spazi urbani e rurali dipenda anche dall”espansione di sistemi economici e politici che minacciano l”interesse delle classi medie e povere in tutto il mondo. Questa espansione ha provocato la reazione di intellettuali, artisti, attivisti e privati di cui e” emblematica la storia recente di Istanbul, ma che e” comune a molti paesi, come la Cina che affrontano enormi boom urbani. Come possono le istituzioni d”arte e di architettura svolgere un ruolo critico attivo in questo contesto? Come si possono utilizzare internet e i social media per avviare discussioni piu” grandi sulla questione? A queste e alle domande di chi vorra” partecipare, proveranno a dare risposta i protagonisti del primo Art talks italiano.

(Dire)