Christiane F, l’ex ragazza dello zoo di Berlino si svela in un libro

Amicizie pericolose, aborti, felicità e disperazione. Il racconto del "dopo" a trentacinque anni di distanza

0
587

Christiane Felscherinow è un nome che, forse, ai più non dice molto. Del resto, quando raggiunse un’enorme e inaspettata popolarità erano ancora gli anni Ottanta. E lei era solo una ragazzina. Una 16enne tossicodipendente. Che un libro trasformò nell’eroinomane più famosa al mondo.

NOI, I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO – “Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino”, uscito nel 1978 (in Italia nel 1981) e divenuto poi anche un film biografico con un cameo di David Bowie, raccontò la sua discesa, a soli 13 anni, nel tunnel della dipendenza e della prostituzione, diventando ben presto un classico. Un’opera frutto del lavoro di due giornalisti che per due mesi seguirono giorno e notte Christiane e i suoi amici negli angoli più bui della metropolitana di Berlino Ovest.

CHRISTIANE F. LA MIA SECONDA VITA – A trentacinque anni di distanza scopriamo cosa è successo a quella piccola tossica che faceva sesso a pagamento nei bagni pubblici per comprarsi le dosi da iniettarsi in vena. Christiane, ora 51enne, ha pubblicato infatti la sua autobiografia “Christiane F. La mia seconda vita”, edita in Italia da Rizzoli, in cui ci racconta il “dopo”, un’intera vita di ricadute, solitudine e disperazione: la disintossicazione, gli anni felici e folli insieme agli idoli del rock e della letteratura; le ricadute, la lotta per la sopravvivenza in un carcere femminile, le amicizie pericolose, le malattie; gli aborti, e un figlio adolescente di cui le è stata sottratta la custodia, nel 2008, dopo una nuova ricaduta.

ASTINENZA E TRISTEZZA – “Portar via il figlio a una madre – racconta Christiane – è come strapparle il cuore e privarla dell’anima senza ucciderla. Dopo non sei che un guscio vuoto e le sole sensazioni che riesci ancora a provare sono l’astinenza e la tristezza. Tutti i mezzi sono buoni per abbrutirti. Non me lo perdonerò mai”. “Non ho più niente – ammette – Non ho più amici, e nessuno può immaginare cosa mi tocca passare ancora oggi, solo perché sono quella che sono. Sono questi i momenti in cui guardo fuori dalla finestra e mi chiedo: ‘Farà poi così male buttarsi di sotto?’”.

LA RAGAZZA DELLO ZOO DI BERLINO – Attraverso un racconto duro, sincero e commovente Christiane svela se stessa: “Io sono e resterò sempre una star del buco. Un animale da fiera. Una bestia rara. Una ragazza dello zoo di Berlino”.

 

Titolo: Christiane F. La mia seconda vita
Autore: Christiane Felscherinow
Prezzo listino: € 17,00
Editore: Rizzoli
Data uscita: 26/02/2014
Pagine: 229

 

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUI PRINCIPALI EVENTI DI ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”27″]

È SUCCESSO OGGI...

civitavecchia carabinieri auto

Civitavecchia, finge una rapina per rubare l’incasso del suo ufficio: scoperta

I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia, a conclusione indagini, hanno denunciato in stato di libertà una 35enne, con le accuse di simulazione di reato e furto aggravato. LA PRESUNTA RAPINA E LE INDAGINI DEI CARABINIERI L’operazione...

Sospetti fermati in macchina: a casa avevano cocaina, marijuana e hashish

19mila euro in contanti, 680 grammi di mannite, diverse dosi di hashish e di cocaina, 2 piante di marijuana alte circa 30 cm e diverso materiale per il confezionamento. Responsabili, due giovani incappati in...

Colleferro, da aprile di nuovo in funzione il termovalorizzatore

L’Ama ha dato l’ok alla rigenerazione (“revamping”) della seconda linea di termovalorizzazione  di Colleferro che sarà attiva almeno  fino al 2022. L’operazione era stata bloccata alla fine dello scorso anno dall’ex presidente di Ama, recentemente dimissionata, Antonella...
Controlli dei Carabinieri auto notte movida

Roma, tenta di violentare 16enne ma lei l’accoltella

È in stato di fermo, piantonato dalla polizia in ospedale, un bengalese di 28 anni accusato di aver tentato di violentare una 16 anni che rientrava a casa a Montesacro. I fatti sono avvenuti due notti...

Ubriaco aggredisce il proprietario di un pub con una bottiglia rotta

“Una birra, prego”. Una richiesta normale per un proprietario di un pub romano, nelle vicinanze di Piazzale degli Eroi, se non fosse che il cliente davanti a sé, era palesemente ubriaco. Al rifiuto del gestore di...