Brusco & Roots in the Sky in concerto al Roma Vintage

0
31
 

“Brusco” presenta per la prima volta a Roma il suo nuovo Cd, “Tutto apposto”,  e lo farà con un concerto infuocato, al Roma Vintage domani alle 22, che lo vedrà affiancato alla sua potente band Roots in the Sky, oltre ai nuovi brani tanti classici della sua produzione passata, che lo hanno reso uno dei beniamini più acclamati di questa vitale scena reggae europea. Giovanni Miraldi, in arte Brusco, inizia ed esibirsi all'età di 15 anni in occasione delle prime dancehall promosse dal sound system One Love hi Powa al Forte Prenestino, storico centro sociale di Roma. Era il 1990, anno in cui in Italia nacquero le prime "posse", gruppi musicali prevalentemente orientati alla musica rap e legati ai movimenti studenteschi di quegli anni. Con l'allora compagno di scuola Paolo II (oggi rapper noto come Chef Ragù), Brusco diede vita alla Vatikan Posse utilizzando lo pseudonimo di Papa Giovanni. Per circa 2 anni questa formazione musicale si fa conoscere e apprezzare grazie ai live che ne fecero uno dei gruppi più richiesti nella capitale.

Nel 1992 Brusco, che aveva nel frattempo cambiato il nome d'arte in Papa G, si unì alla neonata Villada Posse, band musicale composta da un vasto gruppo di amici che erano soliti riunirsi a Villa Ada, un noto parco romano. Brusco insieme alla V.A.P. pubblicò una cassetta musicale nel 1993 ed un cd nel 1996. Questi lavori, sebbene grezzi dal punto di vista tecnico, costituiscono un vero e proprio cult per gli amanti del reggae italiano e hanno fatto in modo che la Villada Posse girasse in lungo ed in largo per la penisola richiamando migliaia di spettatori.

Nel 2000 Brusco "diventa" finalmente Brusco e intraprende la carriera solista. Dapprima con singoli brani destinati a compilation e collaborazioni con diversi artisti del panorama reggae ed hip hop italiano, e in seguito, nel 2001, con il primo cd solista intitolato "Brusco". Tra i vari brani il cd contiene "ancora e ancora", canzone dedicata alla A.S. Roma campione d'Italia nel campionato di calcio 2000-2001. Il brano ebbe un grande successo e richiamò l'attenzione, oltre che di un vasto pubblico, delle radio e delle televisioni. Da quel momento Brusco non si è più fermato. Nel giro di pochi mesi ha sfornato 6 singoli tratti dal cd "Si fa presto a dire… Brusco" del 2003. Collaborando con alcuni punti di riferimento internazionali, come One Love hi powa, Pow Pow movement e MacroBeats, Brusco ha dato vita nel 2006 al suo terzo cd "Amore vero". Insieme alla "Roots in the Sky Band" che lo accompagna nei live dal 2006, Brusco continua a sviluppare l'aspetto che più gli piace del mondo musicale: i concerti dal vivo ed il contatto con il suo pubblico.

A giugno 2009 è uscito Quattroemezzo, un album contenente 18 canzoni e diverse collaborazioni (Roy Paci, Sud Sound System, Boomdabash, Lady Flavia etc) e divenuto presto un cult per gli appassionati del genere. Accantonata anche questa esperienza, nel 2011 esce "Fino all'Alba", altro cd indipendente, interpretato interamente in italiano e realizzato con l'obiettivo di sfornare un prodotto che unisse la modernità delle metriche e delle melodie giamaicane a testi che scandagliassero in profondità la realtà italiana, con la solita rabbia ed ironia che caratterizzano l'intera carriera di Brusco.

Il 4 giugno 2013 è uscito "Tutto Apposto". Il nuovo lavoro firmato  da Brusco e Roots in the Sky. In un momento in cui si va sempre più verso l'elettronica Brusco ha deciso ancora una volta di andare controcorrente e realizzare un disco interamente suonato, avvalendosi anche della collaborazione della sessione fiati dei "Funkallisto" e di altri validi musicisti, oltre ovviamente ai 5 componenti della band che lo segue oramai da quasi 10 anni nei live. Il cd contiene 9 tracce ed è volutamente semplice e diretto, senza fronzoli nei contenuti ne tantomeno nei suoni che si avvicinano il più possibile a quelli di uno show dal vivo. Brusco e i Roots in the Sky si aggrappano alle sole armi su cui hanno sempre potuto fare affidamento: la voce, un basso, una batteria, una chitarra e due tastiere, per continuare a fare ciò hanno sempre fatto. Semplicemente musica.