‘‘Rich, White Men’’, la mostra di Rachel Libeskind a Roma

0
31
 

Si inaugura domani a Roma alle 18.30, presso Alludo room, a viale Mazzini 6, la mostra di Rachel Libeskind dal titolo “Rich, white men” a cura di Ludovica Rossi Purini e Mariachiara Di Trapani.

L'esposizione presenta una selezione di cinque opere – dipinti ad olio su carta – in cui la giovane artista americana in ogni traccia di colore affronta paradossi e corruzioni della società contemporanea e rivitalizza con l'energia del suo gesto il rapporto tra memoria e passato per condurci nel tempo presente. Ricchezza, patrimoni, leader e statu culturale sono i temi principali di questa serie di opere con cui Rachel Libeskind comunica i propri sentimenti sull'epoca che ha dato la nascita al 21esimo secolo.     

Alludo room è un progetto espositivo che nasce dalla volontà di creare una 'Wunderkammer' attraverso le opere di giovani artisti contemporanei. Un ciclo di mostre 'site specific' pensate e realizzate per accogliere un pubblico di appassionati e amanti dell'arte, creando un legame esclusivo con lo spazio ospitante che è a vocazione privata. La peculiarità di questa camera delle meraviglie sara' il suo continuo rinnovarsi attraverso le immagini e le illustrazioni create per l'evento. Se il cabinet of curiosities viene considerato storicamente il primo stadio del concetto di museo, così la curatela vuole privilegiare i giovani artisti emergenti del panorama artistico nazionale ed internazionale.

Libeskind è una artista prolifica, pioniera nei campi del collage, del disegno, della pittura e del video. Figlia dell'architetto Daniel Libeskind, Rachel ha studiato a Berlino e New York, conseguendo il Bachelor of arts ad Harvard nel 2011.  Libeskind possiede un vocabolario visuale enciclopedico. Il suo database di immagini comprende le arti figurative, la propaganda nazista e socialista così come tramandata dai volumi di storia, frammenti della cultura pop e materiale iconografico dal gusto porno retrò. Tagliando e manipolando queste immagini, Libeskind distorce e interrompe il loro ovvio simbolismo. Prendendo forza dall'astrazione, dalle forme, dai colori e dalle composizioni, riassume una radicale versione della storia attraverso il collage e la pittura.     

Le opere di Rachel Libeskind, che vive a lavora a New York, sono esposte permanentemente presso la galleria di New York 'Hansel and Gretel picture garden', fondata nel 2008 da Jason Vartikar e Sarah Christian. (Dire)