Cinema, a Cannes è il giorno del Grande Gatsby

0
24
 

Giornalisti fuori dal Palais e dalla sala delle conferenze stampa per “Il Grande Gatsby”, pellicola di Baz Luhrmann che quest'oggi apre ufficialmente – fuori concorso – l'edizione numero 66 del Festival di Cannes: tutto esaurito per Leonardo Di Caprio, apprezzato interprete di Gatsby, personaggio nato dalla penna di F. Scott Fitzgerald e trasferito dal regista in una visione tridimensionale piena di luci, suoni e colori dopo una gestazione di dieci anni.

Tanti infatti ce ne sono voluti perchè lo portasse sul grande schermo con un cast di attori come Tobey Maguire, Carey Mulligan, Joel Edgerton e Isla Fisher. “Mi sono ritrovato col libro in mano in Siberia, dieci anni fa, ero da solo. Era la seconda volta che leggevo il romanzo ma solo in quell'occasione mi resi conto di tre cose: che la mia conoscenza del Grande Gatsby, fino ad allora, era stata limitata. Che era strutturalmente concise. E, infine, che dentro di sé esisteva un grande film”.

“Il nostro approccio al romanzo è stato quello di una compagnia teatrale, una cura maniacale e precisa del testo”, ha spiegato Luhrmann davanti ad una sala gremita di giornalisti, dai quali è stato accolto tiepidamente.

Affascinato dalla lettura del libro, Leonardo Di Caprio ha sottolineato l'importanza dell'opera. “Negli Stati Uniti non c'è persona che non cresca con Il grande Gatsby: se ne parla, se ne discute e si danno diverse interpretazioni. Io personalmente sono stato affascinato non solo dalla storia d'amore ma dalla tragedia che racchiude in se.È una tragedia del nuovo americano, che nel nuovo mondo, quello in cui tutto è possibile, cerca di diventare Rockfeller ma perde il senso della sua ricerca”.

Ambientato a New York nei primi anni Venti, “Il Grande Gatsby” narra la tragedia del mito Americano nell'epoca scintillante del jazz e mette in luce la solitudine.e l'incomunicabilità di quegli anni. Per Di Caprio e il cast del film, il red carpet è previsto per questa sera verso le 19. Alle 19.15, al Grand Theatre Lumiere, avrà inizio la cerimonia di apertura, cui seguirà la premiere a inviti. Poi un party blindato che si terrà al porto a partire dalle 23.30.

Domani, 16 Maggio, saranno invece presentati in concorso i film “Jeune et Jolie” di Francois Ozon che racconta la storia di una diciasettenne in quattro stagioni e quattro canzoni e “Heli”, terzo lungometraggio del trentaquattrenne regista messicano Amat Escalante, per la prima volta a Cannes nella selezione ufficiale. Ne è la protagonista una ragazzina di dodici anni che, innamorata di un giovane poliziotto implicato in un giro di droga, si ritrova a vivere in un mondo di violenza. (asca)