Teatro, Ascione e Cristicchi di scena al Tor Bella Monaca

0
23
 

Dal 2 al 5 maggio si alternano sul palco del Teatro Tor Bella Monaca di Roma teatro e musica per una quattro giorni di particolare richiamo. Si comincia il 2 maggio con la chitarra di Domenico Ascione, protagonista di pagine di grandi maestri del Sudamerica come Baden Powell, Piazzolla, Gnattali e del compositore e jazzista francese Bolling che con la loro musica, tra samba, bossanova e nuevo tango, tra tradizione jazzistica e classica, negli anni che vanno dai '60 agli '80, hanno inciso profondamente nella vita musicale del loro tempo.

Insieme al pianoforte di Alberto Galletti, il contrabbasso di Marco Camboni e la batteria di Piero Fortezza, Domenico Ascione propone arrangiamenti storici di quel repertorio, insieme ad altri per la prima volta arrangiati e rivisitati e il famoso concerto per chitarra classica e piano jazz di Claude Bolling. Un patrimonio musicale di grande spessore che merita una nuova diffusione per la vitalità musicale che ci testimonia ancora oggi.

Dopo i successi musicali e teatrali Simone Cristicchi dal 3 al 5 maggio è di scena con il suo ''Mio nonno è morto in guerra'', un'occasione per il pubblico di provare la versatilità di un giovane artista poliedrico. Sul palco 14 vecchie sedie accatastate, che proiettano sullo sfondo una ragnatela di luce, 14 vecchie sedie che, una dopo l'altra, prendono vita in 14 storie ''in bianco nero''. Un pianoforte, un leggio e nient'altro. Tanto basta per raccontare le storie di 14 piccoli eroi quotidiani che hanno attraversato o sono stati attraversati da un uragano della Storia, la Seconda Guerra Mondiale. (asca)