L\’arte horror a Montesacro

0
25

L’arte ispirata all’orrore. È questo il tema di “Interiora – mostra ciò che hai dentro”, Festival Horror indipendente che si svolgerà dal 2 al 4 giugno al Brancaleone di via Levanna 13 a Roma e che offrirà una panoramica sulle arti ispirate a tutto ciò che fa paura. Diverse le discipline che si alterneranno, dal cinema alla musica, dal teatro al “free horror make up” fino all’Extreme body perfomance.

Giunta alla seconda edizione, la manifestazione è in grande crescita e può vantare la partecipazione di Roberto Lippolis e Federico Greco, affermati registi che incontreranno il pubblico. Quattro video finalisti  si contenderanno il premio del settore cinema, mentre ospiti con pellicole fuori concorso saranno i filmakers d’eccezione Alessandro Bavari e Brian Viveros. Grande protagonista la rassegna di video arte curata dal C.A.R.M.A., Centro d’Arti e Ricerche Multimediali Applicate.

Anche la musica occuperà un ruolo primario, sottolineando così la caratteristica multidisciplinare, attraverso la dimensione collettiva data dalla presenza sullo stesso palco di influenze in contaminazione. Si alterneranno nomi come dj Flush, dall’inconfondibile dirty, freaky techno spruzzata d’acido, la Comedrop family (electro, drum'n'bass, techno) con Nodezero (underground independent electronics), 8Bit e l'hellectro music di Robert Leoni con horror vjset di Roberto Parisi. A scaldare l'atmosfera i toni pulp di Dj Rebel, El Bandido Maldido (blues, r'n'b, horror grooves), Eks (disco-funk) e Killybillies strings band in compagnia di Milky Butterfly burlesque.

I giocolieri saranno protagonisti dello spettacolo teatrale “Orlando’s Bulesque”, mentre l’arte bondage del Maestro BD e le estreme body performance del gruppo femminile Salem’s Hole renderanno il tutto un’esperienza viscerale nell’underground per disorientare ogni certezza.

L’organizzazione a cura di "Impulsi" che promette grandi emozioni: «Interiora è il silenzio che ascolta le vene pulsare, un movimento introflesso che nutre l’irrazionale. E quando la paura alimenta la materia, l’arte è concepita. Basta estrarre». info: www.interiora.org