I grandi Veneti

0
163

 

Un'esposizione irripetibile, nella densità di capolavori e artisti, per contemplare il colore come elemento fondamentale della pittura e dell'arte figurativa, ecco quanto si può ammirare dal 14 Ottobre 2010 al 30 Gennaio 2011 al Chiostro Del Bramante, con "I grandi Veneti. Da Pisanello a Tiziano, da Tintoretto a Tiepolo. Capolavori dall'Accademia Carrara di Bergamo".

La mostra, realizzata dal Dart Chiostro del Bramante con il sostegno dell'Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione di Roma Capitale, presenta una selezione di ottanta dipinti della Accademia Carrara di Bergamo di eccezionale importanza, un avvenimento reso possibile dalla chiusura temporanea del Museo per lavori di ristrutturazione.

Oltre a essere presenti alcuni tra i capolavori dei massimi artisti veneti, molti dei quali restaurati in occasione della mostra, si potrà seguire l'intero sviluppo della pittura veneziana dal Quattrocento alla fine della Serenissima Repubblica, con alcuni dei più noti dipinti visti dei manuali di storia dell'arte.

Così l'esordio sarà con il Lionello d'Este di Pisanello, la tavola che inaugura la ritrattistica rinascimentale e icona assoluta a livello mondiale, restituita a nuova leggibilità dal restauro dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, per ammirare poi tavole rare come la Madonna con il Bambino di Jacopo Bellini e le sublimi poesie del figlio Giovanni, i fondi oro dei Vivarini e della scuola padovana di Squarcione accanto alla nascita del paesaggio e dell'atmosfera con la stagione giorgionesca delle prime opere di Tiziano e Palma il Vecchio. E poi il Cinquecento trionfante di Paolo Veronese e Tintoretto, il Seicento di Maffei, Padovanino, Vecchia, Carpioni e il trionfo settecentesco con Tiepolo e Diziani e il vedutismo con il binomio Canaletto e Guardi, chiudendosi la mostra sulle maschere di Pietro Longhi.

La mostra è curata dal Professor Giovanni C.F. Villa, docente presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell' Università degli Studi di Bergamo e curatore a Roma delle grandi esposizioni monografiche su Antonello da Messina e Giovanni Bellini e dal Dottor Giovanni Valagussa, conservatore della Pinacoteca dell'Accademia Carrara. Fonte Articolo  ( www.culturaroma.it)

 

                                                                                                                           

 

CHIOSTRO DEL BRAMANTE

 

Indirizzo:  Via della Pace
 
Genere:  mostra
 
Data:  da martedì a domenica per info su date specifiche vedi www.chiostrodelbramante.it
 
Orario:  dalle 10.00 alle 20-00
 
Chiusura:  Lunedì
 
Biglietto:  Intero € 10.00 ridotto € 8.00 per altre tariffe vedi www.chiostrodelbramante.it
 
Telefono:  0039 06 68809035  Email:  info@chiostrodelbramante.it
 
Organizzatore:  Dart Chiostro del Bramante
 
Promotore:  Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione

È SUCCESSO OGGI...

Rieti Cuore Piccante, arriva la kermesse più hot dell’estate: dal 23 al 27 agosto

Il cuore del centro d’Italia è pronto a battere forte per la kermesse più hot dell’estate. Dal 23 al 27 agosto torna l’appuntamento con “Rieti cuore piccante”, la Fiera internazionale del peperoncino che anche quest’anno...

Montanari: «Per tutto agosto pulizia grandi arterie stradali di Roma»

“Continuano per tutto il mese le operazioni di pulizia delle grandi arterie della Capitale iniziate lo scorso 6 agosto sulla via Laurentina. Fino a domani gli operatori di AMA lavoreranno su via Aurelia, poi...
Allarme zanzara tigre nel Lazio: + 30% in questi giorni

Roma Capitale, zanzara tigre: braccio di ferro fra i disinfestatori e la giunta Raggi

Non si placa la bagarre, fra Comune di Roma Capitale e A.N.I.D., rispetto all’Ordinanza n. 62/2017 in tema di contrasto della zanzara tigre. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ha infatti respinto il ricorso...

Al Bioparco fine settimana dedicato agli oranghi

In occasione la Giornata mondiale dell’orango, sabato 19 e domenica 20 Agosto al Bioparco si svolgeranno due giornate dedicate a questi affascinanti ed intelligentissime scimmie antropomorfe. Presso l’area degli oranghi, dalle ore 11.00 alle 14.00...

“Rajche”, Subiaco svela le sue radici più profonde in tre giorni di festa

La città dei monasteri è pronta a svelare le sue radici più profonde. O meglio le “rajche”, come si dice nel dialetto di Subiaco, che traggono la linfa vitale da tradizioni, musiche, artigianato e...