Lazio, Petkovic: cuore biancoceleste e testa al Napoli

Il tecnico allontana le voci che lo vogliono sulla panchina della Svizzera. Intanto 22 tifosi restano in stato di fermo a Varsavia

0
211
Lazio_Petkovic_panchina

«Non ci sono novità oltre a quello che ho detto mercoledì. Non ho mai messo in discussione il mio contratto, ho detto dopo la partita di Varsavia che sono laziale con tutto il cuore e la testa».

Con queste parole Vladimir Petkovic allontana le voci che lo volevano ormai ad un passo dalla panchina della Nazionale svizzera.

«La mia intenzione – aggiunge – è quella di onorare il contratto con risultati migliori. C’era un ping pong tra Svizzera e Italia con informazioni false che hanno creato un po’ di casino esterno, al’interno siamo tranquilli, non ci sono problemi. Le voci fanno piacere, ma adesso penso al presente e non al futuro».

Il mister di Sarajevo cerca quindi di fare quadrato intorno alla squadra alla vigilia della sfida contro il Napoli. Un match duro con i partenopei che arrivano da tre sconfitte consecutive e che saranno a caccia di punti per voltare pagina.

«Anche giocando bene non hanno sfruttato le possibilità e perso le partite, un po’ come successo a noi. E’ un’ottima squadra, complimenti a Rafa per quello che sta facendo, ha giocatori che possono fare sempre la differenza, dobbiamo stare concentrati ogni minuto e sfruttare i loro errori a nostro favore».

Per farlo Petkovic dovrebbe avere a disposizione anche Biava e Klose che si sono ristabiliti dopo i rispettivi infortuni, ma difficilmente partiranno dal primo minuto. Probabile il ritorno al 4-1-4-1 con Marchetti in porta Konko, Cana, Ciani e Radu in difesa. A centrocampo Ledesma è in vantaggio su Biglia per completare il reparto con Candreva, Onazi, Hernanes e Lulic, mentre in attacco Perea appare in vantaggio su Floccari e Klose.

Capitolo tifosi –  Sarebbero in tutto 22 le persone ancora in stato di fermo a Varsavia. Prima del match di Europa League la polizia ha fermato e arrestato 137 persone di cui 115 sono stati liberati nelle scorse ore con pene e ammende che vanno dai 50 fino addirittura ai 1.700 euro.

A partire da domani la difesa dei tifosi passerà all’avvocato Roberto Privitera, iscritto nella lista dei legali presso l’Ambasciata italiana in Polonia e con uno studio nella capitale polacca. La presenza di un avvocato italiano in loco sarà fondamentale per facilitare la difesa dei sostenitori laziali a partire dal fattore linguistico. Restano ombre e dubbi su come siano andati in realtà i fatti con la polizia che ribadisce di essere stata aggredita e i sostenitori biancocelesti che continuano a dire di essere stati fermati ingiustamente.

E’ evidente che 137 arresti sono numeri che nemmeno il G8 di Genova con incidenti che tutti ricordiamo arrivò a toccare (si fermarono a 93). La versione della polizia polacca presenta parecchie lacune, ma ora quello che importa è riuscire a riportare presto nella capitale tutti i tifosi e cercare di mettersi alle spalle questa brutta vicenda, dopo aver accertato le responsabilità.

(Foto Roberto Tedeschi)

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SULLA SS LAZIO DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”16″]

È SUCCESSO OGGI...

Controlli di Ferragosto, salgono a 133 gli arresti dei carabinieri

Il Ferragosto è passato e i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stilano un primo bilancio dell’imponente dispositivo di controllo del territorio predisposto per il particolare periodo festivo. Sono stati, infatti, 133 gli arresti eseguiti...

Welfare, Regione Lazio: 162 mln per nuova programmazione servizi

La Giunta Zingaretti ha approvato la delibera annuale di programmazione degli stanziamenti per il sistema regionale dei servizi sociali. Ammontano a 162,3 milioni le risorse complessivamente assegnate ai distretti socio-sanitari del Lazio per l'attuazione...

Tutto pronto per il Carpineto Romano Busker Festival

Si rinnova per il 28esimo anno consecutivo il festival di artisti di strada da sempre amato e seguito: il Carpineto Romano Busker Festival, con due giorni unici di teatro, musica, performance e installazioni artistiche...

Donna fatta a pezzi e gettata nei cassonetti a Roma, fermato il fratello

Si è appena concluso con il fermo da parte del fratello della vittima, il mistero delle due gambe ritrovate ieri sera all’interno di un cassonetto in Via Maresciallo Pilsudsky. Ieri, intorno alle 20, una ragazza...

Roma, carabinieri a caccia di “topi d’appartamento”

Proseguono con profitto i servizi rinforzati dei Carabinieri di Roma finalizzati a prevenire, e laddove necessario, reprimere eventuali fenomeni di illegalità diffusa. I militari, soprattutto nelle ore notturne, stanno attentamente vigilando anche sulle abitazioni dei...