Dalla Ss Lazio al cinema: tutti gli “amori” di Anna Falchi

L'attrice si racconta in un'intervista in esclusiva a Cinque Quotidiano a pochi giorni dal derby: «Andrò allo stadio, non posso mancare. Temo Gervinho, ma noi ci affidiamo al fattore K»

0
878

Attrice, presentatrice e produttrice cinematografica, bella, sorridente e soprattutto di fede laziale. Anna Falchi (per pochi intimi Anna Kristiina Palomäki) è pronta a “scendere in campo” (si fa per dire, sarà in tribuna all’Olimpico) domenica per l’ennesimo derby tra la sua Lazio e la Roma. «Andrò allo stadio, non posso mancare, la stracittadina è una partita troppo particolare e sentita» ci confida. E allora cominciamo a vivere con lei le emozioni di questa lunga settimana di “passione calcistica”.

Lei è finlandese di nascita, ma vive a Roma da quando aveva sei anni. Come è nato questo amore per la Lazio?
«Abbiamo molte cose in comune, io mi chiamo Falchi di cognome e la Lazio ha l’aquila come simbolo. I colori del club sono biancocelesti, proprio come quelli della bandiera del mio paese di nascita, e poi c’è la Curva Nord, e io di curve nordiche ne so qualcosa. Poi mio fratello è romanista per cui ci giochiamo anche questo derby in famiglia, ma non lo guardiamo mai insieme».

Per la Lazio è una stagione difficile, ha vinto la Coppa Italia a maggio ma ora è già fuori dai giochi…
«Io di coppe Italia ne ho viste vincere due alla mia Lazio, e anche se è uscita credo che con il Napoli si sia comportata davvero bene, ha giocato a testa alta. E poi ora con Reja ha fatto undici punti in cinque partite, la squadra ha ritrovato uno spirito vincente, anche con i nuovi acquisti. Peccato per la partenza di Hernanes, ma il gruppo ha dimostrato vincendo domenica di aver reagito subito, non ne ha risentito. E poi il vero profeta, come hanno scritto alcuni giornali, è proprio mister Reja».

L’esonero di Petkovic, l’arrivo di Reja, la cessione di Hernanes e le contestazioni a Lotito. Che ne pensa di tutto ciò?
«Io forse non avrei mandato via Reja per poi richiamarlo, e su Petkovic pesa come un macigno il ko con il Verona per 4-1 del 22 dicembre. L’Hellas non sarà il Chievo, ma quelle sono batoste gravi però. E su Hernanes, io preferisco pensare a chi è rimasto, sono per Keita, per il nuovo che avanza anche se ha poca esperienza. Lotito? Le minacce che ha ricevuto mi sembrano eccessive. I tifosi non comprendono a volte lo sforzo che questi imprenditori fanno per i club. Bisognerebbe mettersi nei loro panni e accettare anche le decisioni che prendono come questa di fare economia in tempi di crisi e di rinverdire la rosa».

Le piacciono gli altri sport? Segue o pratica una disciplina in particolare?
«Amo molto il nuoto e sono una tifosa di Federica Pellegrini, l’ho vista anche dal vivo ai Mondiali del 2009 vincere l’oro. Che emozione! E poi sia mia figlia che le mie nipoti praticano questo sport alle piscine del Coni anche a livello pre-agonistico. L’ho fatto anch’io quand’ero piccola, ma poi ho lasciato quella strada, chissà se avessi continuato a che livelli sarei potuta arrivare, forse sarei potuta diventare una campionessa (e lo dice quasi con un pizzico di nostalgia, ndr)».

Calcio e cinema, passioni che diventano anche lavori quotidiani…
«Sì, ora sto conducendo un programma a Napoli che si chiama “Number Two” sul canale 34, proprio sul calcio partenopeo. Da sportiva dico che il Napoli è una squadra competitiva, che lotta nella parte alta della classifica, ma io rimango sempre tifosa della Lazio. Mi piace molto questo programma, era una cosa che mancava nel mio curriculum, è una grande palestra, ci sono tanti ospiti e giornalisti. Prima ero solo una tifosa, ora sto piano piano diventando più esperta e poi il calcio mi appassiona. Da oltre dieci anni, invece, con mio fratello Sauro lavoriamo nella co-produzione di film d’autore, di qualità, non quelli da botteghino. Forse non li vedono in molti, ma ai vari festival le nostre produzione ricevono sempre tanti premi e questo è gratificante».

Un lavoro impegnativo, una bambina piccola, ma quanto conta l’amore nella sua vita?
«Tantissimo, è il mio equilibrio. Il lavoro è precario, oggi c’è domani chissà, gli affetti invece sono la base della vita».

E lei è innamorata in questo momento?
«Assolutamente sì. È una carica, mi dà energia».

Come lo vede il derby di domenica?
«Certo la Roma parte favorita, è forte quest’anno, ma la Lazio si è sbloccata, ora ha la mentalità giusta per fare bene. Mi dispiace che al derby mancherà Biglia che è squalificato e stava facendo bene. Però ci saranno Mauri, Konko e Marchetti, tre rientri importanti. E soprattutto giocherà Keita, è giovane ma ha classe da vendere, promette bene e credo sarà la nuova bandiera della Lazio».

Chi sarà l’uomo derby?
«Klose o Keita, ci affidiamo al fattore K. E per la Roma Totti è sempre pericoloso, ha tanta esperienza, ma al momento il giocatore che temo di più è Gervinho».

Un pronostico?
«No non me lo chieda, preferisco non dirlo. Chiudiamo così: sempre e comunque Forza Lazio!»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SUL MURO DEI TIFOSI DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”42″]

È SUCCESSO OGGI...

acea

Acea, eletto nuovo cda: Lanzalone presidente

L'assemblea degli azionisti di Acea ha nominato il nuovo Cda dell'azienda, a 9 componenti, per il prossimo triennio. Per la lista del Campidoglio, che possiede il 51% delle azioni, sono stati eletti Luca Lanzalone...
tuscolano

Esplosione in pieno centro abitato a Cerveteri: intervengono i pompieri

Ieri 26 aprile 2017 alle ore 20.00 circa, i Vigili del fuoco di Cerveteri sono intervenuti per avvenuta esplosione all'interno della cucina di un appartamento sito in via di Gricciano, 14/A a Cerveteri.   i VVF...
regione lazio

Dopo 18 anni il nuovo piano sociale regionale 2017/19

Dopo 18 anni è stato presentato oggi alla Regione il piano sociale regionale per il triennio 2017-2019: uno strumento per rafforzare l’impegno per contrastare le disuguaglianze sociali e la povertà, e per garantire un...
tuscolano

Schianto sull’Aurelia: giornata di paura

Giornata particolarmente impegnativa quella di oggi 27 aprile 2017 per i Vigili del Fuoco di Civitavecchia. I VVF fra ascensori bloccati, aperture porta e soccorsi vari, sono intervenuti per due incidenti stradali.   Il primo a...
Legacoop Lazio ha scritto una lettera aperta alla sindaca Virginia Raggi per chiederle un confronto sulle recenti decisioni della Giunta (Foto Pizzi)

La democrazia partecipata non è solo un click dei 5stelle

Una nota della sindaca Virginia Raggi e dei consiglieri del M5S di Roma Capitale annuncia che, dopo 23 anni dall’ultimo regolamento in materia di partecipazione popolare, è stata presentata una proposta di delibera di...