As Roma, Guardiola-Totti stessa storia: «Io in panchina, lui in campo»

Il tecnico del Bayern Monaco dice: «mi fa piacere tornare a Roma, ho lasciato amici e ristoranti. Prima o poi tornerò». Che stia preparando l’arrivo in qualche club italiano?

0
503
As Roma-Bayern Monaco champions league, formazione di Pep Guardiola. Elodi a Totti e De Rossi

Si scalda subito l’atmosfera tra Roma e Bayern Monaco, ma in tono del tutto ironico. La formazione tedesca al suo arrivo ieri è stata accolta da applausi, l’unico a essere fischiato è stato Benatia, ma non poteva essere diversamente vista tutta la storia della sua cessione.

PAROLA A NEUER – Non vede l’ora di giocare allo stadio Olimpico dove non è mai sceso in campo il portiere tedesco Manuel Neuer: «Sono contento di esserci – ha detto a dfb.de -. Mi aspetto che la Roma giochi bene e tiri tanto in porta. È una grande squadra, dovremo fare attenzione in difesa, perché sanno attaccare e giocare bene. Probabilmente dovremo essere in grado di giocare in un modo diverso da quello che facciamo di solito, ma siamo convinti di poter fare una grande prestazione anche in difesa».

GUARDIOLA ELOGIA LA ROMA – «Garcia e Pallotta hanno fatto una grande squadra – ha detto a Sky Sport -, stabile e che gioca bene a calcio. Totti? Lo ammiro, alla sua età ha voglia ancora di giocare, ha trovato un allenatore perfetto per lui. È un giocatore strepitoso». Poi Guardiola parla della sua breve parentesi alla Roma nella stagione 2002-2003, dopo aver giocato con Barcellona e Brescia. «Non è cambiato molto da allora io ero in panchina e Totti in campo – ha scherzato -, proprio come succederà ora in Champions (ecco come vedere il match questa sera in streaming gratis o in tv, ndr), io sempre in panchina e il capitano a giocare».

UNA PANCHINA IN ITALIA? – Alla domanda sulla dichiarazione di De Rossi (ha detto che «se è diventato forte, è anche perché si è allenato con Pep Guardiola»), il tecnico del Bayern sorride e spiega: «È un bugiardo – ha aggiunto Guardiola -, siamo stati solo mezzo anno e io ero veramente a pezzi, non ce la facevo più, ma si vedeva che lui era un giocatore che faceva tutto, molto giovane, forte di testa, calciava bene. Mi farà piacere rivederlo, mi fa piacere tornare a Roma, torno con la famiglia, ho lasciato amici e grandi ristoranti per mangiare. Prima o poi tornerò». Che stia preparando l’arrivo su qualche panchina italiana?

LA FORMAZIONE – Guardiola cambierà un po’ le carte in tavolo rispetto alla squadra che ha battuto il Werder Brema 6-0. Nella formazione titolare confermato Lewandowski in attacco con Robben, Müller e Götze. Ribery non ancora al top dovrebbe partire dalla panchina. In camopo probabilmente con il 4-2-3-1: Neuer; Rafinha, Boateng, Dante, Alaba; Lahm, Xabi Alonso; Robben, Müller, Götze; Lewandowski.

 

[form_mailup5q lista=”as roma”]

È SUCCESSO OGGI...