As Roma amarcord, con Osvaldo guerra per lo scudetto

0
113

Gli strani incroci della vita. Fino a pochi mesi fa Osvaldo vestiva la maglia giallorossa, era un giocatore della Roma, benvoluto dai tifosi (quasi tutti) e anche da molte tifose romaniste (non solo a dire la veirtà).

Da domani indosserà invece la maglia bianconera, quella della Juventus, quella della diretta rivale della Roma nella corsa scudetto.

Pablo Daniel Osvaldo ha chiuso la sua parentesi al Southamtpon sia per motivi calcistici che disciplinari, una bella “gatta da pelare” anche per la dirigenza torinese, che ha preso un altro attaccante affidandosi proprio all’italo-argentino.

Un affare non troppo costoso per la Juve che potrebbe schierarlo già nel derby d’Italia con l’Inter, e magari si giocherà anche la carta dell’ex nella sfida con la Roma.

Chissà che effetto gli farà ad Osvaldo giocare contro i giallorossi, lui che per due anni ha vestito la casacca giallorossa (11 gol nella prima stagione, 16 nella seconda in serie A) prima di tentare l’avventura Southamtpon e tornare dopo pochi mesi in Italia ma a Torino.

Se ne era andato in estate non avendo più un feeling con la società e più di qualche dissapore con una parte della tifoseria. «Non potevo più stare a Roma a subire minacce, cattiverie e insulti» aveva detto lasciando la capitale, e ora torna in Italia ma si dirige al nord.

Una scelta importante, va in un club vincente, che ha obiettivi importanti e in cui dovrà essere bravo anche ritagliarsi i suoi spazi. Sicuramente la Juventus, un po’ come lo era la Roma, sarà una vetrina importante anche in ottica Nazionale, più vicino agli occhi di Prandelli, più vicino al cuore dei tifosi azzurri.

In due anni non ha fatto in tempo a diventare una bandiera, chissà se però giocando prima o poi contro la Roma avrà un tuffo al cuore, o se qualche tifoso trovandoselo contro rimpiangerà i tempi in cui segnava ed esultava sotto la Sud.

(Foto Tedeschi)

RICEVI TUTTE LE NOTIZIE SULLA AS ROMA DIRETTAMENTE NELLA TUA EMAIL

[wpmlsubscribe list=”15″]