Rudi Garcia: «A Udine per imporre il nostro gioco»

0
87
AsRoma_DeRossi_tiro

 «A Udine saremo una squadra diversa, ma spero di riuscire ad avere comunque una squadra forte». Rudi Garcia non si scompone di fronte alle assenze, alla vigilia della trasferta in terra friulana.

«Domani speriamo di avere qualche notizia positiva su Gervinho – ha detto il tecnico in conferenza stampa prima della sfida –, ma se non dovesse giocare, abbiamo dei sostituti all’altezza. L’assenza di Totti? La natura non ammette il vuoto: se manca un giocatore, subentra un altro».

Nessuna indicazione sulla formazione è giunta invece dall’allenatore francese, che ammette addirittura di poter cambiare qualcosa a centrocampo: «Spostare Pjanic in attacco? Bradley ora sta bene ed è pronto per scendere in campo, quindi sì, è una soluzione che potrei valutare».

Belle parole anche per Ljajic, che assieme a Borriello è il maggior indiziato a iniziare la gara da titolare: «È uno di quelli che somiglia di più a Totti. Ha avuto problemi fisici fin dall’inizio del campionato, ma ora dovrebbe essere al 100%».

Nessuna spavalderia quindi, nella preparazione alla gara, ma la consapevolezza di potersela giocare con tutti: «Non penso mai a tabelle o previsioni. L’Udinese è una squadra forte, ma dovremo essere bravi anche noi a imporre il nostro gioco. Turnover in vista di Chievo e Torino? Quando si ragiona così è facile sbagliarsi, quindi penserò a qualche cambio una volta finita la partita».

Infine una curiosità sui calci di rigore. La Roma ha infatti mandato sul dischetto ben quattro giocatori diversi finora: «Prima della gara preparo sempre una lista con tre giocatori. Se il primo non c’è, calcia il secondo. Però può anche accadere che il giocatore designato voglia lasciare il rigore a un altro e non c’è problema».

(Foto Roberto Tedeschi)