Gigi Datome: con Roma è solo un arrivederci

0
29
 

«Grazie a Roma sono arrivato in Nba, è con questa maglia che mi sono messo in evidenza. Quanto sono legato alla Virtus e a questa città è una cosa che sapete tutti e non smetterò mai di essere grato alla città e alla Virtus». Una dichiarazione d’amore quella di Gigi Datome, appena rientrato da Detroit, dove ha firmato il contratto con i Pistons.

L’ormai ex capitano della Virtus Roma è tornato al PalaTiziano per salutare giornalisti e tifosi dopo cinque anni di Virtus. «A Detroit porto la foto della gente e del bagno di folla dopo gara 7 vinta contro Cantù. Un momento talmente bello che mi ha ripagato di tutti i momenti difficili vissuti con la Virtus».

Una scelta, quella dei Detroit Pistons, che ha stupito molti, arrivata un po’ a sorpresa dopo la rinuncia da parte dei Boston Celtics, per settimane accostati a Datome. «Detroit è la situazione tecnica in cui potevo stare meglio – continua l’ex capitano giallorosso -. E’ una squadra che ha dei centri dominanti e ha bisogno di un giocatore come me che apra il campo, motivo per cui ho scelto la situazione in cui potevo avere maggiore spazio. Avrò la fortuna di giocare con Billups che può insegnarmi tanto. Obiettivi? Ritagliarmi il mio spazio e contribuire alle vittorie dei Pistons. Adesso però c’è un Europeo con la Nazionale azzurra a cui pensare. Una manifestazione in cui possiamo toglierci molte soddisfazioni. Se debbo scegliere tra podio europeo e miglior matricola della Nba scelgo il primo, perchè sarebbe un risultato fondamentale per ridare vita al movimento».

Datome non chiude la porta a un suo ritorno nella capitale. «Non voglio fare promesse – risponde -. Tutti sanno quanto sono stato bene a Roma ma non so come si evolverà la mia carriera, può succedere di tutto. Io spero che quando tornerò dalla Nba Roma ci sarà ancora e abbia il rispetto che si è guadagnata dopo questa stagione». Tra le cose dette in questi giorni quella di ritirare la maglia numero 13. «No. Per me la maglia da ritirare è quella di Tonolli. Lui ha dato una carriera intera alla Virtus».

Paolo Pizzi