AS Roma, la terza rivoluzione: giallorossi su Allegri, Berlusconi permettendo

0
100
 

Allenatore e calciomercato. La Roma si prepara alla terza rivoluzione in tre anni.

Archiviata la querelle dialettica tra Osvaldo e Andreazzoli, che è comunque costata all’azzurro la Nazionale, la società sta provando infatti a piazzare gli unici colpi che potrebbero riaprire la linea di credito con la tifoseria azzerata domenica scorsa con la sconfitta nel derby di Coppa Italia. Il primo tassello è l’allenatore. A Trigoria sono convinti di avere in pugno Massimiliano Allegri.

Pallotta, che è stato raggiunto a Londra da Baldini l’altro ieri, avrebbe dato il via libera per un ingaggio di oltre 3 milioni a stagione. Tutto pronto dunque per l’annuncio del nuovo tecnico, se non fosse per un dettaglio: Allegri è ancora sotto contratto col Milan e pare che Berlusconi non voglia liberarlo prima di aver trovato un’alternativa. Servirebbe quindi, come minimo, un incontro tra il presidente rossonero, l’ad Galliani e lo stesso Allegri, che però sta diventando una chimera. Prima l’annuncio di Galliani, che lunedì sera aveva promesso un «incontro giovedì», poi le indiscrezioni che vorrebbero Berlusconi in vacanza fino a domenica hanno messo rischio la riunione.

La Roma, in tutto ciò, non può far altro che aspettare, anche se il precedente con Mazzarri (tutto fatto, col tecnico che poi è andato all’Inter) non lascia tranquillo nessuno. Piano B? Per il momento nessuno ci pensa e anche il paventato abboccamento con Mancini, al momento, è solo suggestione. Allenatore dunque, ma anche calciomercato perché, se è vero che gli acquisti andranno fatti in sintonia col nuovo tecnico, è altrettanto vero che certi giocatori a Roma non possono più stare. I primi sui quali si ragionerà sono quelli in prestito o in comproprietà. Goicoechea, Piris e Tachtsidis non hanno dimostrato attitudine alla categoria e se dovessero rimanere, lo farebbero solo da comprimari.

Poi ci sono i casi scottanti. Stekelenburg, ceduto a gennaio al Fulham ma tornato indietro per mancanza di alternative nelle ultime ore di mercato, completerà ciò che aveva lasciato interrotto. Il più controverso invece è il caso Osvaldo. Lo scambio di battute al vetriolo con Andreazzoli ha sancito una certezza: entrambi nella stessa società non possono più rimanere e se è vero che l’ex tattico di Spalletti avrà un ruolo dirigenziale, è altrettanto evidente come l’italoargentino sia destinato a partire. Da scegliere però la destinazione: la Roma vuole solo denaro cash e preferirebbe non venderlo a squadre italiane per evitare di rafforzare la concorrenza. Anche se, nella confusione che si respira in queste ore, verrebbe da chiedersi, prima di quale sia la concorrenza, quali saranno i veri obiettivi di stagione.  

Vincenzo Nastasi

È SUCCESSO OGGI...

Sgombero Polizia Locale Roma

Scoperto a rovistare nel cofano di un’auto: un arresto al Quadraro

Ieri pomeriggio una pattuglia della Polizia Locale ha arrestato per rapina C.E., cittadino italiano di 54 anni, residente a Roma. Gli agenti sono stati chiamati in via Opita Oppio, zona Quadraro, dove intorno alle 18:00...
cronaca di roma falso poliziotto rapina

Ossessionati dal make-up, la trovata di tre ladri a Roma

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato, con l’accusa di furto aggravato in concorso, tre cittadini romeni che avevano asportato numerosi prodotti di cosmesi da un supermercato di viale Palmiro Togliatti. I tre...

Elezioni Ostia, tanti candidati manca ancora quello del Pd

Ostia, il mare di Roma, tristemente famosa per essere il municipio commissariato per mafia è pronta per il 5 novembre prossimo? Dopo 2 anni di commissariamento il X municipio con i suoi 200.000 abitanti sarà...

Concorsone, comitato vincitori: «Insufficienti 385 assunzioni»

"Siamo assolutamente delusi dal piano assunzionale diffuso ieri attraverso una nota stampa dall`amministrazione Capitolina. Sono del tutto insufficienti le 385 assunzioni previste per il 2017, così resteranno ancora in attesa ben 162 vincitori di...

Atac, assicurata attività di sorveglianza nelle stazioni della metropolitana

In relazione a notizie di stampa che paventano l'interruzione del servizio di sorveglianza svolto dalle unità cinofile in alcune stazioni metro, Atac precisa che questo ​è solo uno degli strumenti impiegati quotidianamente dalla Security...