Scontro tra Andreazzoli e Osvaldo: il giallorosso escluso dalla Nazionale

0
22
 

Contestazioni, dichiarazioni al vetriolo e un futuro sempre più incerto. La Roma, oltre al derby, perde anche la bussola. Non è bastata infatti la sconfitta più brutta della storia, nella partita che più di tutte avrebbe dovuto contare. Squadra spenta, tecnico in confusione e, dopo la débacle in campo, gli eventi sono precipitati anche fuori.

Domenica sera, la contestazione dei tifosi a Trigoria: circa trecento persone hanno espresso il proprio dissenso all’arrivo del pullman con lancio di sassi e bottiglie e solo l’intervento di un cordone delle forze dell’ordine ha impedito che ciò fosse replicato anche sulle autovetture dei singoli calciatori. Ieri mattina invece, il caos mediatico.

Andreazzoli, invitato al premio Ussi, ne ha approfittato per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: «Osvaldo? Davanti alle telecamere ha certi atteggiamenti, poi in privato è un piagnucoloso». Risposta, non certo garbata per chi si è sempre eretto a difesa del proprio gruppo, alle invettive lanciate dal calciatore al suo indirizzo al termine della partita. Secondo il numero nove, infatti, il suo ingresso nel derby di domenica era stato ritardato a quando ormai la situazione era divenuta irrecuperabile. Poche ore dopo, lo sfogo dello stesso Osvaldo.

«Facevi più bella figura se ammettevi di essere un incapace – ha tuonato il numero nove su Twitter senza specificare il destinatario – vai a festeggiare con quelli della Lazio, va». Una querelle, sulla quale la società non è intervenuta, che è la cartina di tornasole della confusione che regna in casa giallorossa, ma che non è certo passata inosservata a Coverciano.

Nel pomeriggio di ieri Prandelli aveva avvertito: «Valuteremo l’applicazione del codice etico e il tweet del calciatore influirà». In tarda serata invece, la decisione definitiva con escamotage dialettico: Osvaldo è fuori dalle convocazioni per la Confederations Cup «per aver disertato la premiazione della Tim Cup senza il permesso della società». 

Vincenzo Nastasi