SS Lazio, verso il derby: quattro giorni per (con)vincere

0
95
 

Il conto alla rovescia è ormai iniziato, tra quattro giorni si conoscerà la squadra vincitrice della Coppa Italia. In un inedito derby della capitale, Lazio e Roma avranno l’opportunità di riscattarsi dopo una stagione troppo deludente per essere vera.

In particolare sono i biancocelesti quelli ad avere di più da perdere. Se questo discorso fosse stato pronunciato a gennaio tutti si sarebbero messi a ridere. Un girone di ritorno da brividi, con appena 22 punti conquistati, ha fatto precipitare la Lazio dal secondo al settimo posto in classifica e fuori al momento dall’Europa.

Un paio di acquisti a gennaio e qualche infortunio in meno avrebbero potuto aiutare la causa, ma adesso è inutile stare a recriminare e a puntare il dito. Troppo importante la sfida di domenica. Per prepararla al meglio la società ha deciso il trasferimento a Norcia come accaduto nel 2009 quando l’allora Lazio di Rossi superò per 4-2 i cugini. Era un semplice derby di campionato, mentre quello di domenica avrà ancora maggiore importanza.

Un po’ a sorpresa potrebbe rischiare anche Vladimir Petkovic. Confermatissimo fino a qualche giorno fa e ora appeso al filo. Le parole di Tare pronunciate martedì «Petkovic resta, forse» potrebbero aprire le porte della Germania al tecnico bosniaco con più di un club interessato al mister, Borussia Dortmund in primis. Oltre all’allenatore potrebbe anche salutare Hernanes, senza coppe non è così scontata la conferma del centrocampista verdeoro, specialmente visto il pressing asfissiante del Tottenham.

Con la vittoria della Coppa Italia e i conseguenti accessi alla finale di Supercoppa Italiana e all’Europa League si aprirebbero le porte di Formello per Lucas Biglia, in arrivo dall’Anderlecht, e di Felipe Anderson, proveniente dal Santos. Proprio il centrocampista argentino ha praticamente confermato la fase avanzata della trattativa: «Voglio realizzare il mio sogno di giocare in un grande campionato. Le carte sono sul tavolo, non mi resta che firmare per questo club che pagherà 5,5 milioni di euro, più le commissioni, per acquistarmi».

Un regista a tutto tondo che potrebbe alternarsi e dare respiro a Cristian Ledesma, autentico “highlander” del centrocampo biancoceleste. Per Felipe Anderson mancano ancora alcuni dettagli con il fondo inglese che detiene parte del suo cartellino, ma i biancocelesti sono fiduciosi. Concluse le due operazioni, si passerà ad intervenire pesantemente, con almeno due acquisti per settore, su difesa e attacco reparti da ringiovanire e rimpolpare. Fino a domenica la concentrazione e attenzione di tutti dovrà essere solo alla finale di Coppa Italia, una sfida che è già nella storia del calcio e, si spera, possa entrare in positivo in quella biancoceleste.

Antoniomaria Pietoso