AS Roma, le rivelazioni di Sabatini: Baldini e i top player rimangono

0
31
 

È iniziata ufficialmente ieri pomeriggio, quando la squadra si è ritrovata a Trigoria per il primo allenamento, la settimana giallorossa di avvicinamento alla finale di Coppa Italia di domenica prossima.

Tanti gli eventi in programma, ma anche i fatti già consumati. Tra presente e futuro infatti, la Roma si è esposta ieri su alcune questioni fondamentali. In mattinata il direttore sportivo Walter Sabatini è tornato a parlare, disegnando le strategie future del club. «Baldini – ha detto il ds parlando della struttura societaria – rimarrà alla Roma, perché è un perno fondamentale di questo club».

Come lui anche i calciatori più rappresentativi: «Accettare offerte per i nostri giocatori più forti sarebbe una contraddizione: siamo in una fase di costruzione e vogliamo ottenere grandi risultati». Nessuna indicazione invece sul nuovo tecnico: «La Roma in questo momento ha un allenatore che si chiama Aurelio Andreazzoli. Siamo soddisfatti del suo lavoro e non è escluso che possa essere lui a rimanere sulla panchina anche in futuro». Non solo prospettive di mercato però per la società giallorossa, che ieri ha preso ufficialmente posizione sulla squalifica per un turno della Curva Sud. Il giudice sportivo, nella giornata di lunedì, aveva disposto che la prima gara in casa del prossimo campionato fosse disputata a porte chiuse per il settore più caldo del tifo giallorosso. Il motivo: alcuni cori razzisti intonati dai tifosi della Roma durante la sfida col Napoli contro Mario Balotelli.

«Quello che è accaduto domenica scorsa – il testo del comunicato della società – è terribile e inaccettabile. La AS Roma non considera i responsabili di tali fatti come suoi tifosi. Le azioni di questo gruppo ristretto sono detestabili e danneggiano la nostra società e i nostri fedeli tifosi che rispettano le leggi». Una presa di posizione dettata dal presidente James Pallotta, che già la scorsa settimana si era fatto sentire coi dirigenti per come la Roma era uscita dalle vicende della gara col Milan. Un danno di immagine, che il presidente spera di aver recuperato con l'udienza papale generale di questa mattina, nella quale papa Francesco I ha ricevuto i calciatori di Roma e Lazio. Un’occasione, da parte di un pontefice molto attento allo sport, per augurare buona fortuna ai calciatori che domenica si affronteranno in finale di Coppa Italia.

Infine, un evento a sorpresa: oggi pomeriggio presso il Roma Store di piazza Colonna, Pallotta svelerà alcune novità sul nuovo logo della Roma.

Vincenzo Nastasi