SS Lazio, attaccante cercasi: servirebbe un vice Klose

0
17
 

La Lazio cerca di finire al meglio una stagione caratterizzata da alti e bassi. Mancano due fatiche per chiudere il primo anno italiano di Vladimir Petkovic. La corsa all’Europa League diretta dipende dall’Udinese che ha due punti di vantaggio sui biancocelesti, ma deve andare a far visita all’Inter.

Qualora andasse male in campionato, ci sarebbe una seconda chance nella finale di Coppa Italia contro la Roma, una gara che assumerebbe in quel caso una valenza incredibile. Sfide a cui i biancocelesti arriveranno con tanti giocatori acciaccati come Hernanes, Mauri, Ederson, Radu e Onazi che rischiano di saltare la trasferta di Trieste, ma dovrebbero tornare arruolabili per la stracittadina del 26 maggio.

L’accesso all’Europa cambierebbe anche le strategie di mercato. La rosa va ringiovanita e rinforzata specie in attacco. Concluso l’acquisto di Perea, giovane colombiano, servirà almeno un altro attaccante. Klose compirà 35 anni e ha dimostrato che necessità di un’alternativa valida, Floccari appare sicuro della conferma, mentre Kozak potrebbe andare a maturare per una stagione altrove.

Tanti i nomi sul taccuino di Tare e Lotito decisi stavolta a non farsi sfuggire le occasioni come capitato lo scorso anno con Yilmaz finito poi al Galatasaray. Il favorito sembra essere Alessandro Matri della Juventus. I bianconeri, con l’arrivo di Llorente, potrebbero cedere una punta davanti a un’offerta tra i 10 e i 12 milioni di euro. Le alternative sono Suarez dell’Anderlecht, Bacca del Bruges, Eder del Braga, Denis dell’Atalanta e Matavz del Psv. Non solo un centravanti, ma anche una punta di movimento potrebbe sbarcare nella capitale. Felipe Anderson del Santos è l’obiettivo numero uno sfumato per un nulla a gennaio e con cui si continua a trattare.

Molto dipenderà anche dalla vicenda Zarate, ormai fuori rosa e con cui è in ballo una battaglia legale. Si arriverà al divorzio c’è solo da capire se il calciatore si svincolerà o se sarà fissata una clausola liberatoria come accaduto nel 2011 tra il Cagliari e Marchetti e di cui proprio la Lazio ha approfittato. Ufficiale il riscatto di Garrido da parte del Norwich, vicino quello di Alfaro dell’Al Wasl che porteranno soldi nelle casse biancocelesti per puntellare difesa e centrocampo. Marchetti ed Hernanes viaggiano verso la conferma e partirebbero solo in caso di offerte irrinunciabili. Loro due insieme a Klose, Ledesma e Radu saranno le colonne portanti della nuova Lazio 2013/2014 che cercherà di conquistare la Champions, sfuggita di poco nelle ultime tre stagioni.

Antoniomaria Pietoso