Serie A, Pasqua di fuoco in testa e in coda con Inter-Juve e Genoa-Siena

0
18
 

Vigilia di pasqua di fuoco per la serie A che torna dopo la pausa per le nazionali. In scena l'attesissimo derby d'Italia Inter-Juventus per lo scudetto e la Champions league; in coda la sfida salvezza Genoa-Siena. Seppur con una partita in meno per gli uomini di Stramaccioni, i punti che separano i neroazzurri dai bianconeri sono addirittura 18. Un'immensità se si pensa che dopo la sfida dell'andata, i due club viaggiavano con una sola lunghezza di differenza (28 Juve, 27 Inter). Da allora, però, la Vecchia Signora ha impresso un ritmo insostenibile per gli avversari mettendo nel carniere 37 punti nelle diciannove giornate successive, mentre i nerazzurri hanno vistosamente rallentato, ottenendo solo 20 punti, anche se in 18 giornate.

Una curiosità: erano ben 36 volte che Inter-Juventus non veniva giocata in orario pomeridiano. L'ultimo precedente è datato 20 aprile 1996; allora furono i bianconeri a festeggiare, vincendo 2 a 1 a San Siro. Un incontro rimasto sicuramente nella memoria di Antonio Conte che, con un tiro al volo dal limite dell'area, completò la rimonta bianconera dopo l'iniziale vantaggio di Lombardo. In realtà anche il famoso Juventus-Inter del mancato rigore di Iuliano su Ronaldo si giocò di pomeriggio, ma alle 16 e a Torino. Era il 26 aprile del 1998 e terminò 1 a 0 grazie alla rete di Del Piero. Quanto alle probabili formazioni, tra le fila neroazzurre mancherà Juan Jesus che, con il rinvio di Sampdoria-Inter di due domeniche fa, è costretto a scontare la sua giornata di squalifica contro la Juventus. In bilico anche Guarin, che probabilmente partirà dalla panchina dopo il rientro in ritardo dal Sudamerica.

Tra i bianconeri, invece, si guarda con apprensione all'appuntamento di Champions League di martedì 2 aprile contro il Bayern Monaco in Germania. Stramaccioni recupera Samuel e lo piazza al fianco di Ranocchia e Chivu, davanti ad Handanovic. A centrocampo spazio per capitan Zanetti e Stankovic sulle fasce, con Cambiasso, Gargano e Kovacic in mezzo. Davanti coppia formata da Palacio e Cassano. Conte, invece, potrebbe far riposare diversi giocatori. Su tutti Chiellini, Lichtsteiner, Asamoah, Matri e Vucinic.
Davanti a Buffon, quindi, probabili Bonucci, Marrone e Barzagli. Centrocampo con Padoin e Peluso sulle fasce e Pogba, Pirlo e Vidal in mezzo. Davanti Giovinco e Quagliarella.

A San Siro, sono 92 i precedenti tra Juventus ed Inter. Il bilancio è favorevole ai neroazzurri con 41 vittorie contro le 21 dei bianconeri mentre il segno X e' uscito 30 volte. Oltre al derby d'Italia, l'11ma giornata di ritorno di serie A presenta altre 7 interessanti sfide, tutte in scena alle ore 15: Palermo-Roma, Udinese-Bologna, Lazio-Catania, Cagliari-Fiorentina, Parma-Pescara, Atalanta-Sampdoria, Genoa-Siena. Con i fari puntati per la zona calda della classifica proprio su quest'ultimo match: non a caso l'arbitro della gara è l'internazionale Rocchi. Chi perde potrebbe dire anticipatamente addio alla massima divisione. In serata, gli ultimi due incontri di questo mese di marzo. Alle 18.30 Chievo- Milan, alle ore 21 Torino-Napoli. (asca)