Tutto pronto per Malta-Italia. E Prandelli teme il vento

0
91
 

Sarà tutto esaurito stasera lo stadio Ta'Qali, che alle 20.45 (diretta su Rai Uno) ospiterà la gara valida per le qualificazioni ai mondiali del 2014 in Brasile tra Malta e Italia. Sull'isola splende il sole e soffia meno forte il vento di maestrale indicato da Prandelli come una possibile insidia per la gara di questa sera.

Per gli Azzurri, atterrati ieri sera a Malta, risveglio muscolare questa mattina in albergo, con il Ct che non ha ancora sciolto l'ultimo dubbio legato alla presenza di uno tra Cerci e Giaccherini con conseguente cambio di modulo, 4-3-3 con l'esterno del Torino in campo e 4-3-1-2 qualora dovesse partire dal primo minuto lo juventino.

È SUCCESSO OGGI...

Anguillara, esplosione in una villa: feriti e paura

Intorno alle 8.30, probabilmente per una fuga di gas, si e' verificata un'esplosione all'interno di una villetta ad Anguillara Sabazia, in via grotte di Castellana.   La deflagrazione e' avvenuta all'interno dell'appartamento al piano terra, dove...
Terremoto, nuove scosse nel centro Italia

Forte scossa di terremoto tra Lazio e Abruzzo: torna la paura

Una forte scossa di terremoto ha fatto tornare la paura tra Abruzzo e Lazio. Il sisma e' stato rilevato tredici minuti dopo le 4 del mattino. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e...

Storace insiste: «Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali»

E’ da qualche giorno che il vicepresidente della Pisana Francesco Storace batte sullo stesso tasto: Zingaretti vuole anticipare le elezioni regionali nel Lazio a novembre in concomitanza con le elezioni regionali in Sicilia. La...
tuscolano civitavecchia

Civitavecchia, provoca incendio e scappa: preso piromane

Si è protratto per circa 4 ore un incendio che ha interessato alcuni terreni agricoli in via B. Claudia. Sul posto gli investigatori della Polizia di Stato di Civitavecchia, dopo una breve indagine hanno...

Lazio Ambiente, mancano dalle casse 12,5 milioni dei Comuni

Lazio Ambiente deve rimanere pubblica, si sono sgolati a dire sindacati e Comuni anche dopo il semi accordo con la Regione che di fatto ne rallenta la valorizzazione come aveva invece deciso  inizialmente il governatore...