Boateng: \”Io insultato perchè non ho la pelle bianca\”

0
124

Il 3 Gennaio scorso, durante l'amichevole Pro Patria-Milan, il centrocampista rossonero Kevin Prince Boateng ha fermato un'azione di gioco e scagliato violentemente il pallone verso i tifosi avversari, che ad ogni suo tocco del pallone lo bersagliavano con cori razzisti. A questo suo gesto è seguito poi l'abbandono del campo da parte del calciatore e dei compagni, con conseguente sospensione della partita. Oggi, quasi tre mesi dopo, il calciatore ghanese si è presentato in Tribunale per difendere la sua posizione, supportato dal suo allenatore Massimiliano Allegri e il compagno di squadra Daniele Bonera.

"Ogni volta che toccavo palla sentivo cori indirizzati nei miei confronti, dei buh buh che ricordano i versi degli animali – è stata la testimonianza di Boateng – e quei tifosi mi hanno insultato perchè il colore della mia pelle non è bianco. Questi sono degli evidenti atti di razzismo".

È SUCCESSO OGGI...

Le promesse (mancate) dei Grillini paralizzano la Salaria

Roma, 22 settembre, la mobilità è insolitamente paralizzata nl quadrante nord della città e non se capisce il motivo. La Via Salaria, solitamente congestionata, ha raggiunto livelli di paralisi totale. Ma stavolta non è semplice...