Gli atleti romani brillano a Catania

0
26

Saranno otto gli atleti azzurri impegnati oggi nell’ultima giornata di prove individuali ai campionati del Mondo Catania 2011. Tra questi nel fioretto maschile alle 13.10 ci sarà anche Valerio Aspromonte, che sfiderà il cinese Huang. L’obiettivo è ottenere il miglior piazzamento possibile, magari stare nei primi otto al mondo, impresa non facile per l’atleta del Frascati che però darà il massimo. Intanto a Catania cresce il bottino dell’Italia che ha vinto un oro con William Russo nella prova di spada maschile categoria C (paralimpica). Bronzo per  Matteo Betti del Cs Roma, nella prova di spada maschile cat. A, con l’azzurro sconfitto in semifinale dal polacco Pender per 15-4. Argento per Loredana Trigilia (Cs Roma), sempre nella scherma paralimpica, che nella sciabola femminile cat. A. Non era andata altrettando bene nella prova di fioretto femminile, categoria A, dove l’atleta romana era stata sconfitta al tabellone delle 16 dalla russa Olga Irneva, vincitrice per 15-10. La Trigilia aveva concluso il girone con 3 vittorie e due sconfitte, conquistandosi così l’accesso diretto nelle 16 saltando il turno delle 32.

Eliminato ai quarti anche Alessio Sarri (Cs Roma). L’azzurro, nella prova di sciabola maschile categoria B, sempre paralimpica, si è arreso al russo Aleksander Kurdzin 15-12 nei quarti, dopo essersi aggiudicato l’assalto dei 16 sul greco Emmanouil Bogdos 15-6. Sarri aveva chiuso il girone con 5 vittorie e una sconfitta. Nella sciabola femminile, si è fermata tra le 32 invece Paola Guarneri di Albano che, dopo aver regolato 15- 10 la statunitense Schneider, è stata superata dalla giapponese Nakayama per 15-8. Campione del mondo anche Paolo Pizzo nella spada maschile. Ma quelle vissute a Catania sono state giornate da ricordare soprattutto per le medaglie arrivate martedì, perchè Aldo Montano (Cs Roma) e la “mitica” Valentina Vezzali (mai nessun atleta aveva vinto prima di oggi sei campionati del Mondo) hanno vinto il titolo mondiale, dominando ed entusiasmando. Proprio i due che l’ultimo Mondiale in Italia, a Torino nel 2006, evoca brutti ricordi: il grave infortunio per il primo e la sconfitta in finale contro la Granbassi per la seconda. Seconda Elisa Di Francisca, bronzo per Tarantino al suo ultimo mondiale. Grande rammarico invece per Ilaria Salvatori, fermatasi ai piedi del podio perchè sconfitta ai quarti dalla Nam per 15-8, ma soprattutto per Arianna Errigo (fuori al primo turno). Prestazione strepitosa di Aldo Montano, che ha smentito tutti quelli che non credevano F in una sua vittoria, padre compreso.