La Futsal Isola non sbaglia un colpo: battuto 3-1 il Real Tecchiena

0
20

La Futsal Isola vince ancora. A Tecchiena, in un campo ostico e caldissimo, la banda Lattanzi ci mette il cuore. Finisce 3-1: Verrone, Montenero e Colaceci risolvono una partita complicatissima e devono ringraziare un super De Filippis, tre parate decisive su altrettanti tiri liberi.

Senza Robinson a riposo precauzionale, con Ramos ancora ai box per squalifica, l’Isola parte contratta. Il Real Tecchiena pressa a tutto campo, imbrigliando la gara e imprimendo un ritmo indemoniato al match. Gli arancioverdi provano a giocare ma non è aria. Sembra la classica giornata storta. La palla non entra. A una manciata di minuti dalla fine pure un tiro libero contro. Ma c’è De Filippis a metterci il manone. Il primo tempo termina senza reti.

La seconda frazione parte in fotocopia. Il Tecchiena morde, la Futsal Isola prova a giocare. La svolta arriva pochi minuti dopo il fischio d’inizio: azione veloce e padroni di casa in vantaggio. La banda Lattanzi si sveglia. È come un pugno. Da lì in poi il match prende un’altra piega. Il gioco non è sfavillante ma esce il cuore e l’anima di una squadra d’acciaio. Verrone e Montenero riportano su la Futsal Isola nel momento più complicato della partita. De Filippis la tiene a galla neutralizzando altri due tiri liberi. La Futsal Isola non si fa mancare niente mettendo fuori con Colaceci il tiro libero della tranquillità. La partita rimane in equilibrio fino alla fine. È il Cola a mettere il sigillo, intercettando una palla con portiere avversario in movimento. Tre a uno e tutti a casa. La Futsal è prima.

“È un campo difficile – ammette a fine gara il diesse Enrico Segantini -. L’ambiente era caldissimo e il Tecchiena è una buonissima squadra. Sono giovani, hanno gamba. Stanno bene fisicamente. Tatticamente disciplinati. Non sarà facile per nessuno”. Il gioco ancora non decolla: “Sono stati bravi ad annullarci – sottolinea Segantini -. Abbiamo fatto qualche bella azione ma nel complesso potevamo fare di più. Ci abbiamo messo il cuore e alla fine è venuto fuori quello. Bene così”.