Pomezia, un comitato per salvaguardare lo sport

0
23

Un’idea per lo sport di Pomezia. Si è svolta nei giorni scorsi una conferenza stampa di presentazione del Comitato promotore per la salvaguardia dello sport di Pomezia. Un’iniziativa di spessore che ha visto protagonisti diversi esponenti del mondo sportivo e politico locale, a partire dal sindaco De Fusco, l’assessore allo sport Caporaletti, gli imprenditori Mastella e Florio e il dg del Pomezia calcio Claudio Tanzi. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal presidente del consorzio Pomezia Sport Mario Massaroni, già impegnato nella presidenza del basket, che ha voluto sensibilizzare le forze imprenditoriali per ottenere un sostegno allo sport cittadino. «Indubbiamente è stata un’ottima iniziativa – ha riferito il dg del Pomezia Claudio Tanzi -.

Un comitato che possa garantire un apporto allo sport non può non giovare alla causa, anche se poi ogni società viene gestita singolarmente dai dirigenti con oneri e onori. Prendendo l’esempio del calcio, non posso non ravvisare come la situazione sia ancora critica. Indubbiamente un richiamo alle forze imprenditoriali può rappresentare un’occasione in più per risollevare lo sport cittadino, travolto dalle vicende che hanno coinvolto Di Mario». A margine della conferenza, svoltasi all’insegna di un confronto sereno e costruttivo, il dg pometino è tornato ad analizzare le vicende della società rossoblu: «Per ora siamo ancora in alto mare – ha ribadito Tanzi -.

In attesa del ricorso al Tnas (previsto intorno al 15 giugno), l’attività della società è ferma al palo. Alcuni esponenti politici hanno preso contatti con il presidente del Siena Mezzaroma (che ha già sostenuto la pallavolo pometina), per quanto mi riguarda ho interpellato il presidente del Perugia Fedeli, che in caso di passo in avanti di Mezzaroma sarebbe pronto a inserirsi. Non ci sono novità, anche se alcuni equilibri politici locali e l’eventuale successo al Tnas con la riconferma in Lega Pro, potrebbero aprire scenari prestigiosi per il Pomezia. In caso contrario si ripartirebbe dalla serie D, con il decadimento automatico di tutti i contratti in essere». Tra circa tre settimane la verità definitiva.

Marcello Bartoli