Calcio/Eccellenza, a un passo dal sogno

0
26

Mister Manolo Patalano non si fida del Monopoli e, alla luce del valore dei pugliesi, fa bene. Ma è evidente che lo 0-3 della gara di andata pesa come un macigno sul verdetto finale: il Città di Marino è a meno di un passo dalla finalissima di coppa Italia di Eccellenza. Un traguardo che, considerata la quasi certa qualificazione dell’Ancona ai danni dell’Inveruno, con i marchigiani primissimi nel proprio girone e quindi già virtualmente promossi, significherebbe inequivocabilmente serie D. 

 
Il tecnico dovrà comunque rinunciare ai vari Genovese, Angelilli e Turazza, tutti squalificati: guai a fidarsi, dunque, ma si tratterà semplicemente di amministrare l’immenso vantaggio accumulato una settimana fa quando la doppietta di Novembrino e il sigillo su calcio di rigore di Fanasca hanno permesso ai biancocelesti di conquistare un risultato straordinario. «Sappiamo che siamo veramente vicini alla finale – dice il tecnico – ma non possiamo distrarci proprio ora e rovinare tutto quello che fino a oggi abbiamo fatto. Novanta minuti ci separano da quello che per la società ma soprattutto per i ragazzi e lo staff sarà un traguardo storico: sta a noi trasformare il sogno in realtà». 
 
Quasi certo il recupero di Galasso al centro della difesa anche se in Puglia Scozzese ha saputo fare molto bene: tutto ruoterà attorno al modulo che il tecnico sceglierà di schierare, col 3-5-2 – imbottito a centrocampo – che appare la disposizione ottimale. Poca pretattica per un Marino che sente profumo d’impresa: l’appuntamento del 6 aprile con la finalissima di Casal del Marmo è fissato. Ai biancocelesti il compito di fare quest’ultimo sforzo.
 
Marco Caroni