Danza, Una coppia di Valmontone ai grandi appuntamenti

0
38

 

Le tappe del campionato italiano, la prima a Verona (30 aprile) e l’altra a Rimini (28 maggio), e poi  ad agosto a Stoccarda per il “Germania open”. Sono questi i prossimi importanti appuntamenti per la coppia di ballo di Valmontone, formata da Daniela Saracini e Sergio Cucchiella.
I due atleti hanno cominciato la nuova stagione agonistica,  che si presenta densa di impegni importanti, così come l’aveva lasciata l’anno scorso, ovvero vincendo. 
Daniela e Sergio, infatti, si sono aggiudicati le prime tre tappe del circuito dei campionati italiani di danze latine, senior categoria AS, che si sono svolte nelle città di  Ancona, Monza e Bologna
.
Un inizio davvero ottimo per la coppia valmontonese, che tra l’altro ha vinto, per il secondo anno consecutivo, anche il campionato Assoluti che si è tenuto a Bastia Umbra nel mese di gennaio. Un successo fondamentale perchè gli ha permesso, proprio in virtù del primo posto ottenuto, di disputare il campionato mondiale. Daniela Saracini e Sergio Cucchiella hanno quindi rappresentato l’Italia a Bruxelles in Belgio al mondiale che si è tenuto circa un mese fa. E anche qui hanno raccolto un importante piazzamento: tra  settanta coppie partecipanti, e provenienti da tutte le nazioni, i due valmontonesi si sono classificati nella top ten, precisamente al nono posto.
 
«Il momento più bello ed emozionante è stato quando abbiamo ricevuto la lettera di convocazione dalla Fids che ci invitava a rappresentare l’Italia al mondiale di ballo e nel leggerla ci siamo emozionati», ricordano Daniela e Sergio.
«Siamo soddisfatti – proseguono -, perché disputare un campionato mondiale è il sogno di tutti coloro che praticano questa disciplina. Ma c’è anche un po’ di rammarico, perchè abbiamo danzato bene e ricevuto tanti complimenti, la finale era alla nostra portata, ma non avendo mai gareggiato fuori dall’Italia nessuno ci conosceva e questo ci ha un po’ penalizzato. Il nostro prossimo obiettivo quindi è quello di partecipare il più possibile a gare di livello internazionali, proprio per fare esperienza, per farci conoscere e magari riuscire ad entrare nella finale del prossimo anno».