Giù Monterotondo a Porto Torres

0
41

Il Monterotondo affonda a Porto Torres facendosi rosicchiare un altro punto dall’inseguitrice Aprilia. Partita affrontata dagli eretini con gli uomini contati con le rinunce all’ultimo minuto di Masciantonio, del portiere Del Duchetto e di Ginobili, in campo nonostante uno stato febbricitante. I sardi si portano in vantaggio al primo affondo (14’) con Gadau, che di testa capitalizza al meglio la punizione di Fadda.

Gli eretini sono tramortiti e al 28’ subiscono il raddoppio: aziona corale Zaniratto-Falchi-Atzeni, dribbling su Gaggioli e ancora palla per Falchi che con un tiro sporco porta i sardi sul 2 a 0.  Monterotondo che nonostante il doppio svantaggio prova a riportarsi in gara accorciando le distanze con Cirillo al 37’, quando il bomber del girone (sedici centri per lui) anticipa tutti su azione d’angolo. Sembrerebbe la svolta della gara, ma il Monterotondo non riesce più a pungere rischiando addirittura di capitolare nella seconda frazione due volte con Fadda (2’ e 8’) e poi con l’ex Zaniratto che dopo essersi fatto 60 metri di campo in contropiede sfiora il palo con un bolide dal limite dell’area.

La squadra di Ferazzoli si risveglia e attua un forcing alla ricerca del pareggio nell’ultimo quarto d’ora prima con Cirillo e poi con Parasmo. Sul finire la palla buona capita sui piedi di Del Zotti, ma da buona posizione il terzino calcia alle stelle.     

«Complimenti a loro – è il pensiero di mister Ferazzoli – hanno dimostrato di essere una grande squadra. Ai ragazzi non posso rimproverare nulla. Considerando le assenze e le condizioni di alcuni di noi di più non potevamo fare».  Finisce 2 a 1 con una sconfitta resa meno amara dal pareggio a reti bianche dell’inseguitrice Aprilia in casa con il Sanluri. Sfida a distanza che proseguirà dal prossimo turno quando il Monterotondo affronterà il Fidene al Cecconi e l’Aprilia andrà in trasferta a  Castiadas.