Crisi Avio, futuro a rischio per 500 lavoratori

A fine ottobre scade l'offerta di acquisto della società. Mobilitazione a Colleferro

0
395

“Dove vola Avio?”, è la domanda provocatoria delle RSU e dei lavoratori dell’azienda, che ieri si sono riuniti in un dibattito con sindacati territoriali, amministratori locali e politici per cercare di capire quale sarà il futuro di Avio.
A fine Ottobre scadrà l’offerta per la vendita della Società da parte del fondo CINVEN che detiene l’81% delle azioni, il restante 14% è di proprietà di Finmeccanica. CINVEN ha dato mandato a Finmeccanica di valutare le offerte di acquisto e poi decidere se vendere AVIO o invece rilevarne una quota maggioritaria, con una sorta di diritto di prelazione.

In questi giorni sono arrivate moltissime offerte da diverse società Europee ed Americane, tra cui la francese SAFRAN e la società franco-tedesca EADS. «Quello che stupisce – affermano le Rsu –  è il totale silenzio di Finmeccanica. Ci chiediamo come sia possibile il disinteresse di Finmeccanica, e quindi del governo, per un’azienda sì privata, ma che opera in un settore strategico come quello aerospaziale e della difesa, con contratti e commesse per lo più provenienti dallo Stato».

Tanto più che Avio è un’azienda in ottima salute, produce i motori per i lanciatori spaziali VEGA e ARIANE, che garantiscono contratti per i prossimi 10-20 anni e prospettive future a lungo termine.
Facile dunque capire le tante offerte ed il fortissimo interesse di Safran che ha presentato un’offerta decisamente allettante, che però non rassicura del tutto i lavoratori, essendo l’azienda francese diretta concorrente di Avio nel settore aerospaziale.
Le stesse preoccupazioni sono state espresse dagli onorevoli Moffa e Carella che hanno ricordato la triste vicenda Alstom, acquistata dai francesi con mille promesse e poi dismessa in pochi anni. “E’ urgente un confronto con il governo – hanno ribadito i due politici – per capire quali sono le strade che si possono seguire e l’interesse dello Stato italiano per Avio”. Anche dai sindaci intervenuti al dibattito è emersa la volontà di contribuire a chiarire le prospettive future di un’azienda che a Colleferro occupa 500 persone, uno stabilimento di eccellenza di grande importanza per tutto il territorio ed in generale per il tessuto industriale italiano.

Inoltre dalle RSU è scaturita la proposta di un sistema di garanzie e di regole che tuteli Avio e le persone che vi sono impiegate: «Quando è stata venduto il ramo aeronautica di Avio è stato emesso un decreto in cui si applica la golden power. Sono stai cioè messi una serie di paletti da rispettare da parte dell’acquirente, a cominciare dal mantenimento dei livelli occupazionali e del know-how».
Il dibattito si è concluso con l’impegno di parti sociali, lavoratori, istituzioni e politica affinché si possa ottenere un incontro urgente con Finmeccanica, Ministeri dello Sviluppo Economico e della Difesa, Presidenza del Consiglio, al fine di discutere il futuro di una realtà strategica come Avio e dare risposte e garanzie ai lavoratori.

In conclusione Giuseppe Cappucci, Segretario generale CGIL Roma Sud-Pomezia-Castelli, ha invitato tutti ad intervenire rapidamente sulla vicenda Avio, ma ad intervenire in sinergia anche sulla difficile situazione dell’area di Colleferro e Valle del Sacco, colpite da una dura crisi occupazionale, da un impoverimento industriale e dal forte ed annoso inquinamento ambientale.

È SUCCESSO OGGI...

Tremendo incidente, un’auto si scontra con una moto: centauro in pericolo di vita

Un centauro è in pericolo di vita dopo un brutto incidente con un'Opel Corsa. É accaduto la scorsa notte a Roma, intorno alle 2.30, in largo Bratislava. Sul posto sono intervenuti gli agenti del...

Botte, sputi e insulti alla compagna: allontanato dalla polizia

Maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate: questi i reati contestati ad un romeno di 64 anni. Vittima, la compagna. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Fiumicino si sono presentati a...

Notte di controlli nella movida romana: arresti, denunce e sequestri a tappeto

Nel fine settimana i Carabinieri del Gruppo di Roma e del Nucleo Radiomobile di Roma, nel corso di un'intensa attività di controllo nel quartiere Aventino e zone limitrofe, noto luogo della movida romana, hanno...
regione lazio

Sulle macerie di Amatrice Pirozzi attacca e la Regione si difende

Covava da tempo la polemica fra il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e la Regione sulla rimozione delle macerie, a suo avviso gravemente in ritardo e tale da ipotecare la ripresa economica e sociale nelle...

IX Municipio, per l’ex assessora Laurelli i grillini “sfasciano e non costruiscono”

Luisa Laurelli è stata assessore alle politiche sociali e alla scuola nella giunta Marino per 14 mesi nel 2015; psicologa e psicoterapeuta vanta un lunghissimo curriculum di esperienze professionali e politiche rimanendo attivamente impegnata nel...