Telecom, dipendenti di Roma: «Giù le mani dai comparti italiani»

Preoccupazione nella sede di via Cristoforo Colombo dopo la vendita agli spagnoli. Il ministro: «Evitare danni all'occupazione»

0
252

Stupore, rabbia e paura. Sono i sentimenti dei dipendenti della Telecom a pochi giorni dall’accordo con il gruppo Telefonica spagnolo. Nella capitale sono circa 12.000 le persone impiegate nelle sedi di Val Cannuta, Parco dei Medici, Pomezia e via Cristoforo Colombo. Proprio in quest’ultimo edificio questa mattina si era acceso un curioso dibattito tra alcuni lavoratori in pausa pranzo. Opinioni contrastanti tra i soliti disfattisti e i silenziosi scettici. «Forse è ancora presto per parlare – dice Guido. Non le nascondo però una certa preoccupazione. C’è davvero da aspettarsi di tutto a questo punto e le altre esperienze italiane purtroppo insegnano». «Non vorrei ci ritroviamo come quei lavoratori del servizio delle Iene di ieri – dice Giovanna – che dall’oggi al domani si sono ritrovati spostati in un’altra nazione». «Esagerata», gli fa eco un gruppetto in disparte. «Ma ti pare che ci spostano?» «La verità – controbbatte Gianni – è che l’Italia sul fronte delle telecomunicazioni ha perso la sua grande occasione. Non si investe più, scarseggiano gli ingegneri e le competenze vanno all’estero. Credo – aggiunge – che bisogna riflettere su questo per il bene di questa azienda». Del resto degli oltre 25 mila dipendenti della Sip, oggi ne sono rimasti esattamente la metà. Ma solamente tre anni fa erano 3 mila in più. Secondo i sindacati, le condizioni di lavoro negli ultimi tre anni hanno subìto un drastico peggioramento. «Vigileremo sulle conseguenze per i lavoratori» ha annunciato il presidente della Regione, Nicola Zingaretti. «Siamo molto preoccupati per il nuovo quadro societario. Abbiamo già chiesto al governo Letta di mettere in campo tutti gli strumenti di vigilanza» ha sottolineato Daniele Leodori, presidente del Consiglio regionale. Preoccupazioni anche dal ministro. «Ora pensiamo a tutte le politiche necessarie per evitare eventuali danni – ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato lasciando Montecitorio. Ad esempio, dobbiamo garantire che la rete fissa rimanga sotto il controllo italiano e dobbiamo evitare che l”attività di compravendita non danneggi l’occupazione. Io sto lavorando su questo». cs

È SUCCESSO OGGI...

Uova contaminate, rilevate due nuove positività dai Nas

"Le attività di controllo da parte dei Carabinieri dei NAS, attualmente in piena fase esecutiva sull'intero territorio nazionale, hanno evidenziato due ulteriori positività di uova contaminate per presenza della sostanza insetticida denominata finopril rispetto...

Rainbow Magicland, arrivano i protagonisti di Regal Academy

A Rainbow MagicLand, il 26 agosto, una giornata interamente dedicata alle famiglie con Rose Cenerentola, Joy Ranocchio e Hawk Biancaneve, protagonisti indiscussi di Regal Academy. I nipoti dei personaggi più celebri delle fiabe, accompagneranno i bambini in questa fantastica esperienza...

Via di Portonaccio e la pioggia di multe sulla corsia preferenziale

La protesta sembra non avere fine e il numero delle sanzioni «continua ad aumentare. I cittadini confermano di sentirsi «truffati dal Comune di Roma, perché non si può cambiare un senso di marcia così...
A1

Schianto a Guidonia: un morto

Schianto mortale la scorsa notte a Guidonia Montecelio nella zona di Setteville dove un uomo è morto a seguito di un incidente. ULTIMORA: GRAVISSIMO INCIDENTE A ROMA IN METRO Secondo una prima ricostruzione la vittima in...

Roma, gestione di rifiuti abusiva e furto di corrente: cognati in manette

Un impianto risultato totalmente abusivo dove veniva esercitata la gestione di rifiuti pericolosi è stato scoperto in zona Marconi nell'ambito di mirate attività di indagine, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma relative all'azione...