Regione Lazio, debiti Pa pagati per il 96 per cento

0
24
 

«Riguardo ai pagamenti dei debiti non sanitari con le anticipazioni di liquidità che la Regione Lazio ha ottenuto grazie al decreto 35, i dati aggiornati a questa mattina ci permettono di dire che abbiamo già emesso il 99,21% dei pagamenti agli Enti locali previsti in elenco, e l’89,76% di quelli per i fornitori diretti di beni e servizi.

Questo vuol dire che a oggi sono stati pagati 896milioni e 387mila euro, pari al 96,08% del totale di quelli previsti per i debiti non sanitari. Di questi quasi 619 milioni sono stati destinati agli Enti locali, e 277 milioni e 500mila euro sono andati a fornitori diretti. La differenza per arrivare ai 924 milioni continuerà a essere liquidata in questi giorni, comunque entro la scadenza di legge del 27 luglio, a un mese esatto dall’accredito delle anticipazioni ottenute dal ministero dell’Economia e delle Finanze». Lo ha spiegato ieri l’assessore al bilancio della Regione Lazio Alessandra Sartore.

«Stiamo affrontando con uguale determinazione anche il tema della trasparenza, perché siamo ben consapevoli che questa sia una sfida importante già oggi e sempre più per il futuro. Tutti questi dati – prosegue Sartore – sono infatti già consultabili, nel rispetto delle norme sulla privacy, sul sito istituzionale della Regione Lazio, sia per quanto riguarda gli 832 milioni destinati ai debiti nel campo della sanità per i quali è stato stipulato il contratto soltanto pochi giorni fa, sia per i 924 milioni già in pagamento a Enti locali e fornitori diretti della Regione».

«Se da una parte è una soddisfazione veder riconoscere a questa amministrazione la competenza e la tempestività che sono state necessarie per ottenere sempre tra i primi le anticipazioni di liquidità – conclude l’assessore – dall’altra è importante non adagiarsi su questo risultato, e mettere a disposizione di tutti i risultati di questo lavoro, come stiamo facendo rendendo pubblico l’elenco dei pagamenti in atto e la loro progressione».