Fiumicino, contro i sondaggi Montino sorpassa la destra uscente

0
22
 

Ribaltone. E' un sorpasso che lascia sorpresi in molti quello firmato da Esterino Montino che da ieri pomeriggio è il nuovo sindaco di Fiumicino. Il candidato del centrosinistra era stato dato per “spacciato” dopo il risultato del primo turno e invece è riuscito a strappare la vittoria in maniera anche abbastanza marcata, sconfiggendo così l'omologo del centrodestra Mauro Gonnelli.

Montino ha vinto col 51,84% di preferenze con mille voti in più dello sfidante (14464 contro 13335). «Un risultato straordinario – ha detto il neo sindaco -. I primi cento giorni di governo saranno fondamentali per dare il segnale della svolta». Appena dopo le 15, minuto dopo minuto, si è capito ben presto che la partita era tutt'altro che scontata e che anzi se c'era un candidato leggermente avanti nelle preferenze questo era proprio Montino. Le “roccaforti” (o presunte tali) di Gonnelli al primo turno, vale a dire le località di Fregene, Focene e Aranova, hanno pian piano fatto capire che la differenza era stata praticamente annullata.

L'ex vice-presidente della Regione si è poi affacciato poco più tardi dal balcone del suo comitato elettorale, visibilmente emozionato e con le mani alzate al cielo in segno di vittoria. Montino ha voluto così condividere il successo con gli elettori accorsi in largo dei Delfini dando appuntamento a piazza Grassi (dove poco dopo si è svolta una festa per il neo sindaco).

«Finalmente la città ha aperto gli occhi» è stata la frase più “pronunciata” all'interno del comitato elettorale del nuovo primo cittadino di Fiumicino che ora dovrà far fronte alle questioni “spinose” della città: la gestione e “valorizzazione” dell'aeroporto, ma anche quella del nuovo porto commerciale e del porto turistico bloccato da un'indagine della magistratura. I cittadini, inoltre, ricordano bene le promesse pre-elettorali di Montino che si era impegnato, per esempio, a cancellare totalmente l'uso delle auto blu e a devolvere l'intera indennità a lui spettante come sindaco (4400 euro) per la costituzione di un fondo per favorire i giovani che intendono avviare nuove imprese al quale dovranno partecipare anche gli assessori devolvendo il 30% del proprio stipendio.

Anche a Fiumicino, comunque, è stato certamente significativo il dato sul netto calo dell'affluenza alle urne: a chiusura dei seggi avevano votato 28.537 cittadini, pari al 51,19 % delle persone aventi diritto su un totale di 55.748 elettori e contro il 63,51% del primo turno. Un segnale su cui anche il neo sindaco Montino dovrà riflettere una volta superata la “sbornia” dei festeggiamenti per un risultato “sulla carta” insperato.

Tiziano Pompili