Sanità, Zingaretti incontra Lorenzin: «Precari hanno priorità»

0
74
 

Precari del comparto della sanità, piano di rientro, nuovo modello sanitario basato non sul taglio dei posti letto ma su una riorganizzazione complessiva del servizio. Questi i temi principali che sono stati affrontati oggi nel primo incontro tra il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

"E' stato un primo incontro interlocutorio ma molto positivo all'insegna di una voglia sincera di collaborare per il bene del Lazio e del nostro sistema sanitario – ha sintetizzato Zingaretti lasciando il ministero della Salute – abbiamo cominciato a discutere di quelle che a entrambi sembrano le priorità: primo tra tutti il tema dei precari che è figlio della norma del piano di rientro del blocco del turn over, che ha portato negli ultimi anni a espellere senza ricambio oltre 6.500 operatori e che rappresenta una condizione di lavoro insostenibile". "C'è una comune volontà di verificare come si possa tornare a ridiscutere un piano di rientro che ci permetta di affrontare il tema dei precari nella nostra Regione", ha aggiunto Zingaretti

"Abbiamo delle idee che nei prossimi giorni presenteremo anche al ministero dell'Economia perchè per noi quella dei precari è una delle priorità assolute", ha insistito Zingaretti che ha poi fatto sapere come, tra gli altri punti dell'incontro con Lorenzin, "abbiamo poi segnalato, ma su questo c'è condivisione, come vadano anche rivisitati i poteri commissariali: il commissario è il responsabile dell'attuazione del piano di rientro ma spesso nei confronti dei direttori o di altre figure non ha potere.

Quindi vorremmo anche, in un quadro di collaborazione, riesaminare come si possano avere poteri più incisivi per governare la questione del piano di rientro". In più, "abbiamo l'obiettivo comune di affrontare il rientro dal disavanzo non attraverso i tagli ma costruendo un nuovo modello sanitario che punti al diritto alla salute nei territori e all'integrazione sociosanitaria". Nel complesso, Zingaretti ha tenuto a dire che quello col ministro della Salute "è stato un incontro interlocutorio in cui abbiamo riscontrato una grande voglia di fare insieme. E' stato un incontro utile, non per me e per il ministro ma per i cittadini del Lazio".