Nuove norme per la nomina dei direttori Asl

0
27
 

Arrivano nuove norme per la nomina dei direttori di Asl, aziende ospedaliere e Istituti di ricovero a carattere scientifico. Ad annunciarlo, nel corso di una conferenza stampa presso la sede della giunta regionale del Lazio, il governatore Nicola Zingaretti. "Una rivoluzione sul merito, un pacchetto di norme e procedure per innovare profondamente nel segno della trasparenza e competenza il sistema sanitario", come spiegato da Zingaretti, e' stata approvata come delibera dalla giunta regionale. Il tempo per presentare le domande e' di 30 giorni dal momento della pubblicazione dell'avviso sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana. L'acquisizione delle domande avverra' solo ed esclusivamente on line su una piattaforma informatica dedicata che sara' realizzata dalla societa' regionale Lait, direttamente sul sito web istituzionale della regione Lazio.

Entrando nel dettaglio dei nuovo criteri, "prima la Commissione era composta da due esperti, in genere professori universitari, scelti direttamente dalla Regione e da un dirigente della regione stessa. Oggi – ha affermato Zingaretti – la legge nazionale prevede che la commissione sia composta da una terna formata da un membro nominato dall'Agenas e da due esperti indicati dalla Regione. Noi siamo andati oltre e abbiamo delegato tutte le nomine all'Agenas, comprese quelle di nostra formale competenza". Altra novita', quella relativa la valutazione. "Il giudizio prima veniva formulato solo sui curricula presentati – ha proseguito ancora il governatore del Lazio – ma noi abbiamo istituito una scheda operativa, sul modello dell'Emilia Romagna, dove si evidenziano tutti i dati relativi alla complessita' organizzativa della struttura diretta in passato, al numero di personale, al budget. Inoltre, come nelle migliori esperienze di selezione del management o nelle migliori agenzie di 'cacciatori di teste', oltre alla selezione documentale e' previsto un colloquio diretto".

Altre norme anche per chi proviene dal settore pubblico: prima, per essere inseriti nell'elenco degli idonei bastava essere stato Direttore di unita' operativa semplice, "ora vale solo la direzione di unita' operativa complessa", mentre per chi proviene dal settore privato, da chi aveva avuto la direzione di qualunque azienda a prescindere dal numero degli addetti, del fatturato, della forma giuridica, ora la scelta puo' cadere solo se "amministratore unico o delegato, o presidente del consiglio di amministrazione di societa' per azioni". "Il quarto criterio – ha infine concluso Zingaretti – e' quello relativo la trasparenza. Le domande si presentavano in formato cartaceo e i curricula non venivano pubblicati. Ora tutte le procedure saranno informatizzare. Tutte le domande si presentano on line e tutta la documentazione (curricula e schede) verranno pubblicati su internet". Presente anche il presidente dell'Agenas (agenzia nazionale dei servizi sanitari regionali), che ha spiegato che questo "e' un sistema analogo utilizzato anche in Sicilia e Puglia".