Ignazio Marino è il candidato sindaco di Roma per il centrosinistra

0
20
 

Ignazio Marino è il candidato del centrosinistra a sindaco di Roma. Il chirurgo ha avuto la meglio sugli altri cinque sfidanti il 7 aprile: Gemma Azuni, Mattia Di Tommaso, Paolo Gentiloni, Patrizia Prestipino e David Sassoli.

Quest'ultimo candidato, è stato il primo a congratularsi con Marino per la sua vittoria: «Adesso dobbiamo vincere la battaglia per il Campidoglio». Poi sono arrivati anche i complimenti di Gentiloni, del segretario del Pd capitolino Marco Miccoli, mentre il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha affidato i suoi auguri a Twitter.

Tocca a Marino ora sfidare l'attuale primo cittadino Gianni Alemanno, l'avvocato del Movimento 5 Stelle Marcello De Vito e l'imprenditore Alfio Marchini il 26 e il 27 maggio.Secondo gli exit poll realizzati da Tecnè per Sky Tg24, Marino avrebbe trionfato su tutti gli altri con il 54,58% dei consensi. A seguire, David Sassoli con il 24,28%, terzo Paolo Gentiloni con l’8,12%, che aveva ricevuto l'endorsement ufficiale di Renzi e anche di Walter Veltroni. Distanziati invece Gemma Azuni (3,6%), Stefania Prestipino (2,4%) e Tommaso Di Mattia (1,3%).

L'affluenza nei 223 seggi, come ha fatto sapere il comitato Roma bene Comune, è stata tra i 100 mila e i 102 mila votanti. Ma a turbare l'andamento della domenica elettorale sono stati i sospetti di 'scorrettezze' e di 'voti comprati'.

Un componente della direzione del Pd Lazio, Cristiana Alicata, ha infatti denunciato su Facebook solite incredibili file di rom che «quando ci sono le primarie si scoprono appassionatissimi di politica».

Si tratta di «voti comprati», ha affermato con certezza. E a Tor Bella Monaca, la polizia è intervenuta dopo una violenta lite tra esponenti del Pd, nata perché alcuni testimoni sostenevano di aver visto fuori dal seggio immigrati «ricevere dei soldi». Ma dal partito romano hanno subito smorzato le polemiche: «Se le primarie sono aperte agli immigrati, loro votano. Al momento non ci è pervenuta nessuna contestazione".