Rifiuti, rinviata la Tares: una vittoria per sindaci e commercianti

0
39
 

E’ slittato a dicembre il pagamento della Tares. La nuova tassa sui rifiuti inizierà dal prossimo mese di maggio, ma i 30 centesimi in più a metro quadro previsti verranno applicati solo da dicembre. Lo ha riferito il presidente dell'Anci, Graziano Delrio precisando che la maggiorazione di 0,30 euro in più a dicembre «andrà direttamente allo Stato».

Con l'accordo sottoscritto con il governo «eviteremo il deficit di liquidità – ha spiegato Delrio – che avrebbe creato grossi problemi alle imprese del trattamento rifiuti». Le scadenze dovrebbero tenersi a maggio, settembre e dicembre.

«Il rinvio della Tares era indispensabile sia per i cittadini sia per i comuni perché era una tassa più pesante. Inoltre doveva essere riscossa in estate lasciando i comuni senza risorse fino ad allora per affrontare la raccolta rifiuti» – spiega il sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

Soddisfatto anche Paolo Gentiloni, candidato alle primarie del centrosinistra per il Comune di Roma. «Per Roma – dice – il rinvio della Tares evita un’ennesima batosta fiscale pesantissima per le famiglie e le imprese, pari a circa 70 milioni di euro. Un risultato importante – conclude Gentiloni – per una città che purtroppo è la più tartassata».