Operati Fiat manifestano, Alemanno chiede di bloccarli

0
17

Stanno manifestando a piazza Montecitorio, gli operai della Fiat di Termini Imerese, dopo  essere partiti da piazza Santi Apostoli.

Pronta la reazione del sindaco Alemanno, che conferma la sua sensibilità alle ragioni dei manifestanti. «Ho telefonato a Questore e Prefetto chiedendo una reazione immediata per bloccare la manifestazione che ha già mandato in tilt il traffico nel centro di Roma – ha dichiarato – pur comprendendo le ragioni dei lavoratori della Fiat di Termini Imerese, non si può tollerare che una parte nevralgica della città come il centro venga completamente paralizzata causando danni e forti disagi ad altri lavoratori».

Subito la reazione dell’opposizione, che col vice presidente della Commissione Infortuni sul lavoro, Paolo Nerozzi, ricorda come «la possibilità di manifestare sia un diritto sancito dalla Costituzione». «Appare chiaro che il primo cittadino della Capitale – prosegue Nerozzi – non abbia mai letto o non ricordi l'articolo 3 della Carta costituzionale che impone alla Repubblica il compito di 'rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese». «Ci auguriamo che il sindaco Alemanno – conclude Nerozzi – rimedi a questo gravissimo atto scusandosi immediatamente con i lavoratori».