Porta Futuro, dalla Provincia un aiuto alla ricerca del lavoro

0
27

Uno spazio innovativo pensato e realizzato per far incontrare la domanda e l'offerta di lavoro, ma anche per creare percorsi di formazione e orientamento. Questo, in sintesi, è Porta Futuro, il nuovo centro per il lavoro inaugurato questa mattina dal Presidente della Provincia Nicola Zingaretti alla presenza dell’assessore al lavoro di palazzo Valentini, Massimiliano Smeriglio, del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, del presidente della Camera di Commercio, Giancarlo Cremonesi e di quello della Uir Arelio Regina.

«Questo luogo – ha assicurato Zingaretti – vivrà e produrrà se gli attori sociali ed economici dell'area metropolitana ci crederanno. Stiamo dando vita a un valore aggiunto nella capacità del territorio di produrre lavoro e assottigliare quello spazio di solitudine in cui si trova ogni ragazzo senza lavoro: questa è una solitudine che spesso lascia le persone in balia di raccomandazioni e soprusi».

La struttura, ispirata all'esperienza di “Puerta 22” di Barcellona, è dotata di un particolare software capace di unificare i database del mercato del lavoro di tutto il territorio, permette l’incontro gratuito tra domanda e offerta e vengono tracciati per ogni individuo i profili migliori in base alle proprie caratteristiche. Sarà possibile venire incontro alle esigenze non solo di disoccupati e disabili, ma anche di migranti, occupati che vogliono cambiare impiego e imprese.

Porta Futuro complessivamente disposto su un totale di 1800 mq, apre le porte ai visitatori con un open space di 600 mq e mette a disposizione degli utenti postazioni di autoconsultazione, una biblioteca multimediale, 25 postazioni e spazi per l'auto-orientamento, ma non solo. Il centro ha al suo interno anche zone di relax e baby space, sale riunioni, aree per eventi, parcheggi e free wi-fi. Porta Futuro sarà aperta al pubblico dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 19, il venerdì e il sabato dalle 10 alle 22. La rete di pannelli solari permetterà nei prossimi mesi di coprire almeno per il 60% la sua richiesta di energia.