Metro C, da opportunità a pozzo di San Patrizio

0
94

La metro C avrebbe dovuto essere un’opportunità per la mobilità della nostra città – dice Vito De Russis, dell’Associazione dei pedoni -, ma sempre più si rivela la vaghezza del progetto, perché dopo più di dieci anni di disagi dei cittadini e una tanti soldi spesi, siamo ancora fermi a San Giovanni». Anche se il vecchio progetto è ancora visibile sul sito di Roma Metropolitane, dopo il Project financing presentato per la nuova tratta San Giovanni-Farnesina dall’associazione temporanea d’imprese guidata dalla Salini, si può pensare che in ballo ci siano molti appetiti da soddisfare. Perché le nuove stazioni valorizzeranno importanti aree e dato che oltre a gestire l'infrastruttura, i privati otterranno cubature di edilizia residenziale, si ipotizza uno sviluppo nell'Agro romano, ma anche sul litorale romano o nelle aree da riqualificare, come l’ex deposito Atac di piazza Bainsizza. Entro fine 2011 la “talpa” dovrebbe ripartire da Colosseo e la stazione sarà aperta nel 2016. In quei nuovi 7 km di linea saranno attive 7 stazioni: Venezia e Chiesa Nuova (che sembravano ormai cancellate); San Pietro e Ottaviano (confermate).

Eliminate Risorgimento e Clodio, sostituita da OslaviaBainsizza, con le new entry Auditorium e Farnesina. Un’opera che da opportunità per Roma pare sia diventata il classico pozzo di San Patrizio. «Come dichiarato dal professor Antonio Tamburrino – dice l’ingegnere Paolo Ercolani, esperto di mobilità – a Roma si sta cercando di risolvere i problemi della mobilità con soluzioni tecniche antiquate e la realizzazione di opere obsolete, inefficienti e soprattutto costosissime, con un vero sperpero di denaro pubblico». L’ennesima soluzione all’italiana che scontenta tutti. Sull’opportunità e la funzionalità del nuovo progetto è intervenuto in dissenso con l’amministrazione Alemanno il consigliere comunale Massimiliano Valeriani (Pd), presidente Commissione trasparenza, e nettamente contrari sono il consigliere comunale Dario Nanni (Pd) e Daniele Torquati, capogruppo Pd in XX municipio, per i quali, dopo la cancellazione delle stazioni Farnesina, Giochi Istmici, Parco di Veio, Villa San Pietro, Tomba di Nerone (Fm3) e Grottarossa (Roma-Viterbo), i cittadini di Roma nord continueranno a non avere collegamenti su ferro. «Un’amministrazione capitolina evanescente – dice Marcello Paolozza della Rete romana di mutuo soccorso – che ha dimostrato anche in questo progetto la mancanza di trasparenza, senza mai attivare quei processi di partecipazione pubblica imposti dalle leggi europee, nazionali e dai regolamenti comunali. E la delega totale data da Alemanno a Roma Metropolitane ha svuotato il Consiglio comunale del potere di scelta». 

 Maurizio Ceccaioni

È SUCCESSO OGGI...

Ericsson licenzia circa 200 persone. In corso presidio dei lavoratori davanti alla sede dell’azienda

"Venerdì sera la Ericsson ha fatto recapitare ai lavoratori circa 200 lettere di licenziamento. Semplicemente una vergogna". Così, in una nota, Riccardo Saccone, segretario generale della Slc Cgil di Roma e del Lazio, che...

I cittadini possono risparmiare l’acqua, ma Acea ha il dovere di trovare soluzioni

Di fronte all’emergenza idrica dovuta alla siccità cominciano a circolare i decaloghi per risparmiare l’acqua potabile. Pratica in sè buona e giusta che hanno da tempo adottato le popolazioni di molte aree del Mezzogiorno...

Incendio in un condominio a Prati: evacuato palazzo

Incendio al civico 90 di via Ennio Quirino Visconti, a Roma. A innescarlo un corto circuito nel quadro elettrico posto nella guardiola del portiere, dal quale si sono sviluppate fiamme che hanno avvolto solo...

Omicidio, procura di Roma indaga su aggressione a una coppia

La Procura di Roma sta indagando sull'aggressione alla coppia di italiani in Kenya che ha causato la morte della donna e il ferimento grave del marito. A quanto si apprende i pm romani stanno procedendo...

Pista ciclabile in via Varrone e adeguamento dell’incrocio con via del Mare, la Giunta...

Il Sindaco e la Giunta hanno deliberato il progetto per l’adeguamento dell’intersezione tra via del Mare e via Varrone con il completamento dell’anello di pista ciclopedonale che va dal quartiere Nuova Lavinium fino a...